E poi si dice che il lavoro del critico sia facile: non si fa in tempo a parlare di un locale, come quello di Alessandro Franceschetti, che poi tocca cambiaresubito. Alessandro non è più a Porta a Prato a Firenze, ma segue il locale di via Boccaccio, dallo stesso nome, in zona Cure, non lontano dalla stadio, per intendersi. Alle redini da pochi giorni, già mostra sostanza: insalatina di mare calda, gnocchetti con maiale e broccoli, pesce al sale con verdura bollita, qualche accenno valido, con una carta di vini in costruzione che nasce bene, ambiente caldo, capacità di essere coinvolgente in sala. Gli amici lo vengono a trovare comunque, per gli altri, è interessante venire a vedere un ristoratore che da più di trent’anni lavora nel settore, cambiando continuamente locale, ma riuscendo ad avere successo tra la clientela abituale. Per ora siamo sui 40 euro escluso vini,a pranzo meno, si mangia anche con 15 euro, se non si sceglie il pesce calcolate sui 35 per tre portate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nessun commento