Giornata di quelle incredibili: ho finito il convegno alla Provincia di Firenze dove abbiamo inaugurato la Biennale Enogastronomica Fiorentina con il convegno “La Fiorentina tra bistecca e pallone” e poi sto partendo per Roma (sciopero permettendo) per girare la seconda puntata di “Chef per un giorno” 4^ serie. Stamani mi sono piaciuti gli interventi di tutti i relatori, a cominciare da quello di Matteo Renzi, il presidente della Provincia che ci ospitava: ha svelato che Obama, neo presidente USA, del suo viaggio a Firenze, si ricordava soprattutto il cibo!! E poi Romeo Colzi, della trattoria “Da Mario” che ci raccontava alcuni aneddoti, l’ultimo dei quali che in 4 persone sono riuscite a mangiare ben 4 chili e 600 g di bistecca nel suo locale! Giuseppe Calabrese ha presentato la sua attività di cronista sportivo appassionato di cucina, Luca Gatteschi la sua esperienza ai mondiali di calcio e il ruolo del medico nella dieta dello sportivo. Quasi due ore di chiacchere in allegria! E domani, pranzo alla Caritas fatto da “Il Santo Bevitore”!

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 Commenti

  1. Grande professo’!!
    Continua cosi’ e tienici aggiornati sulle tue peripezie enogastronomiche!!
    E grazie mille per permetterci di condividere tutti insieme questa tua grande passione!

  2. Ragazzi vediamo quanto e’ potente la comunita’ blogger tirata su dal professore….

    Domenica con amici andiamo ad Arezzo…una decina di persone circa…..mi servirebbe una dritta per una trattoria/ristorante/agriturismo dove poter mangiare qualcosa di buono/genuino/stuzzicante magari con prodotti o preparazioni del luogo….senza spendere una tombola (intorno ai 25 euri….)

    Chi mi aiuta?

  3. Forse è tardi per la segnalazione, ma se vuoi mangiare bene e spendere il giusto c’è un solo nome: “Osteria del Cacciatore”, a Monte San Savino (loc. Dreini).

    Specialità della casa i pici fatti in casa (con condimento a piacere) e soprattutto la spettacolare tagliata o la fiorentina, entrambe rigorosamente di chianina, cotte a puntino nel grande braciere a vista.
    Se poi ti vuoi proprio trattar bene, il vino giusto è “Elena” della tenuta di Marengo: vale fino all’ultimo centesimo e si accompagna splendidamente ai piatti tipici della tradizione toscana.

    Se ci vai salutami Paolo (il mitico padrone del locale) e poi fammi sapere. 😉