Via si parta, oggi i primi assaggi ma da sabato si fa sul serio, con i Mondiali che incombono ed il rito della partita vista con gli amici si rinnova. Chiaro che ci sarà l’amante della visione in solitaria, quelli che decideranno di unirsi ad una folla sconosciuta in piazza o nei pub, ma in tanti coglieranno l’occasione per ritrovarsi, con i tifosi in salotto incollati alla tv e gli altri che sciameranno nelle altre stanze della casa per fare due chiacchiere in santa pace. Punto di ritrovo la sala da pranzo o la cucina, dove tutti convoglieranno al momento del mangiare: nella prima partita, l’inizio a mezzanotte permetterà anche ai meno appassionati di andare a dormire mentre nelle altre, l’inizio alle 18 permetterà un consumo della cena anche seduti, lasciano al momento topico della partita i salatini dell’aperitivo. Che fare? Qualcuno coglie l’occasione della manifestazione per sperimentare i piatti del paese ospitante, e mi chiedo ancora cosa hanno fatto 4 anni fa con i mondiali in Sudafrica…per quanto riguarda il Brasile, sarà forse da lasciare da parte la feijoada, dove la commistione tra fagioli neri e maiale può avere effetti letali se consumata in una notte afosa. Meglio dirigersi, per chi dispone di un giardino con barbecue annesso, verso il churrasco, privilegiando magari la carne di manzo e di pollo . Magari, per ingannare il tempo, avendo voglia e tempo, ci si può far tentare dalla coxinha, una sorta di mega crocchetta di patate con pollo e formaggio, impanata e fritta. Un bel piatto comunitario, dove ci si sporca le mani nella giusta maniera è la caldeirada, una zuppa di pesce che permette di sfamarsi a sufficienza con il pane abbinato. Qualunque piatto da tentare sarà migliore delle improbabili insalate di riso, russe, di pasta ed altro che infestano i ritrovi estivi. Da bere, la caipirinha sembra sia già stata eletta la bevanda ufficiale da qui alla fine del campionato. Mettiamoci ai fornelli ed andiamo a incominciare!Credits deabydaytv

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nessun commento