Spesso si trovava nel letto ansimato e sudante: succedeva quando la sognava, gli prendeva quel misto di eccitazione ed ansia che lo portava a svegliarsi nel cuore della notte. Si metteva a pensare ed aveva paura di quella passione, che lui stesso giudicava insana, ai limiti della perversione. Difficile raccontare ad altro cosa lo portava al parossisimo, da quanto la cercava in ogni posto in cui si trovasse: eppure non era molto bella a vedersi e, fra l’altro, non doveva nemmeno temere la concorrenza di altri, che la insidiassero. Non era geloso, quello no, arrivava al punto che amava condividerla con altre persone, facendosi lui stesso da promotore! Si, questo era un aspetto che, a mente fredda, lo faceva riflettere: va bene il piacere, ma farne approfottare anche ad altri! A lui piaceva trovarsi con lei in casa o in luoghi a lui familiari: acquisiva maggiore sicurezza, si trovava a proprio agio, insomma gestiva meglio la situazione Era un rapporto morboso, in tanti lo abbandonavano giunti al momento cruciale, ma lui nn se ne curava: rimaneva al cospetto di lei adorante, pur sapendo che altri lo osservavano con fare sospetto. Sapevva della sua provenienza, dove era stata, come aveva vissuto prima di incontrarlo, però questo non rappresentava un ostacolo, anzi, era uno stimolo per consocerla sempre meglio. Una volta fissato l’appuntamento, si recava con passo celere, entrava e l’aspettava: non doveva attendere troppo a lungo, lei era già pronta e disponibile.Talvolta si faceva anche accompagnare, tanto per ravvivare l’atmosfera ma per lui questo non era l’essenziale: gradiva, indubbiamente, ma se anche si presentasse da sola andava bene lo stesso. L’aspetto, pur non sublime, riusciva ad agganciarlo, con un’eccitazine che montava gradualmente ma inesorabilmente: l’affrontava all’improviso, dopo averla osservata, incurante degli aguardi degli altri, emetteva mugoli di piacere quando finalmente l’aveva tutta per se’, lasciva e disponibile, non bella ma tanto buona…la lingua bollita! Credits donnemoderne.com

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nessun commento