Sarà che quando uno è a dieta diventa disponibile ad apprezzare anche le piccole cose. Sta di fatto che il massimo che mi posso concedere come trasgressione di questi tempi è il cappuccino. Quando lo sorbiamo al mattino, soprattutto se siamo soddisfatti del risultato, dovremmo ringraziare sentitamente il nostro barista perche’ ci troviamo, scusate il gioco di parole, di fronte ad un artista.  Sembra facile, infatti, formare quella densa schiuma che ricopre il caffe’ espresso rendendolo morbido e cremoso come non mai, ma non e’ proprio cosi’. Le prove dei neofiti, che magari hanno appena acquistato la macchina espresso da casa, si sono ben presto arenate di fronte ad un latte diventato acqua per il troppo vapore, una schiuma troppo scottante, un caffè imbevibile. Il segreto, per dirla alla francese, sta tutto nel “coup de poignée”, il gioco del polso, la maniera cioè di riscaldare il latte nell’apposito bricco di acciaio attraverso il vapore. Una giusta dose di calore forma la schiuma desiderata, ma una semplice variazione di posizione può guastare irrimediabilmente il prodotto. I rimedi come quello di aggiungere panna al latte o addirittura panna montata in cima al cappuccino si rivelano peggiori degli sbagli. La presenza del cacao, molto di moda ai nostri giorni,  deve essere del tutto facoltativa e soprattutto, non deve mai essere eccessiva. Infine, sembra quasi scontato ma non è vero, il latte utilizzato dovrebbe essere unicamente  fresco pastorizzato, quello a lunga conservazione forma odori poco gradevoli che diventano quasi nauseabondi. Gli stranieri ci invidiano il nome e il gusto e non a torto: avete mai provato un “café creme double” alla francese?

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento

  1. il double non l’ho provato, ma un’amica l’anno scorso – non so se mi spiego – mi ha regalato una specie di vibratore da infilare nel cappuccino. costa un quattroccinqueuro non di più. serve a fargli fare la schiuma. e funziona. l’unica cosa è che bisogna prima inserirlo e poi accenderlo altrimenti il latte schizza dappertutto. mi raccomando, però, è fatt apposta per il cappuccino…