Non dovrei, lo capisco, non sta bene: un critico gastronomico non può amare tale bevanda: non è politically correct, è globalizzante, zucchero puro che entra in circolo senza passare dal via, non la si può consumare certo mangiando, suvvia! E poi, arriviamo a metterci anche la fettina di limone per dare quel certo non so che, ma dai!! Non parliamo poi di quelli che si mettono a discutere se è migliore quella in lattina o in vetro o in PET, ma sono parole da dirsi! E poi, il gusto di tracannarla gelida, di un fiato, magari la mattina presto d’estate o la notte rientrando in casa, vi sembrano piaceri indimenticabili? Lo confesso, ho fatto tutto questo..

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 Commenti

  1. “E poi, il gusto di tracannarla gelida, di un fiato”…..Professore ma una simile operazione, non provoca eruttazioni abnormi e terribili??

  2. a me fa orrore e non distinguo la light dalla zero e dalla pepsi…però ne tengo sempre in frigo (bottigliette piccole) per gli eventuali momenti di digestione difficile!!! in quel campo è imbattibile..neanche l’idraulico liquido!!

  3. La zero è senza zucchero ma ha lo stesso sapore della normale, la light è meno “dolciastra”… sono differenze fondamentali!
    Ok, confesso, ogni tanto casco nella tentazione della light (per il sapore, non per la linea), ma sto cercando di smettere…
    E se riscoprissimo l’autarchico Chinotto?

  4. ricordo con nostalgia i giorni in cui, da bambino, andavo al cinema dell’oratorio. allora bevevo la gassosa utilizzando la zigoto rotella srotolata come cannuccia.

  5. Marco l’è ancora un giovine, è che se la tira un poino! 🙂

    Ma davvero notate differenze tra light e zero?
    credevo fosse solo un operazione commerciale: light per le femminucce, zero (involucro nero!) per i maschietti.

  6. Pensa te che a me piace sgassata ben bene… prima o poi me ne scoppia una in mano nell’agitarla per sgassarla…

    Il chinotto della Lurisia però è buonino davvero…
    ciao,
    claudio

  7. Guardate che il chinotto Lurisia è buono….detto da chi beve chinotto da vent’anni………..

    ps. prodotto con chinotto di savona presidio slow food….e fanno anche la gazzosa

  8. concordo su tutto… ma condanno alla dannazione eterna tutti quelli che pasteggiano con la coca cola, è un abominio della cucina…
    sorseggiarla giacciata in una serata estiva è un piacere innegabile ma quando vedo adulti pasteggiare con quella roba mi si scatena la violenza!

    p.s. e comunque meglio il chinotto!