Oramai non fa più notizia, anche se la tradizione stenta a diffondersi: il panettone in estate sta diventando un “must” di ogni festa sulla spiaggia che si rispetti, gastronomicamente parlando. In effetti, non si riesce a capire perché un dolce come il panettne debba vivere poco più di due mesi l’anno visto e considerato che gli ingredienti sono reperibili tutto l’anno, senza problemi di stagionalità. Eppure succede e la tradizione non viene assolutamente scalfita dai tentativi di riciclarlo in altri periodi: pensare di mangiarlo con il gelato seduti sulla sdraio regala una tradizione piacevole, del tutto ovvio pensarlo quale componente di un semifreddo o impiegato come base di una bavarese. E sì che in inverno non è che lo si mangi al momento giusto quando lo si consuma a fine pasto: indubbiamente più appagante il gustarlo a colazione con il caffellatte, in un’accoppiata che mette a dura prova la digestione successiva, ma che regala gradevoli sensazioni in bocca.Dunque, anche nel 2014 viene ritentato lo sdoganamento, e chissà che questa volta non riesca: certo, ha un che di trasgressivo consumarlo in costume da bagno ma, provate a pensare se si dovesse sdoganare in estate il cotechino con lenticchie…Credits informacibo.it

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 Commenti

  1. se conosceste i piaceri della granita con brioche releghereste il panettone al periodo natalizio. ma capisco che una città che propone ribollita in estate e pappa al pomodoro in inverno possa anche presentare panettone come dolce di ferragosto.

  2. perché non fate la schiacciata di ferragosto? avete la schiacciata di carnevale, quella di pasqua. fatene una estiva. tanto tutto si chiama schiacciata. dolce, salata, alta, bassa, con crema e con prosciutto toscano. tutto schiacciata.