Mi sono sempre chiesto quale invereconda fine tocca alle uova di Pasqua dopo che ne è stato sottratto il regalo: passi per quelle artigianali, che da sole valgono l’acquisto vista la qualità, ma le altre? Di solito vengono nascoste in delle scatole di latta e lì rimangono sino a che vengono quasi per caso ripescate ed a quel punto gettate, considerando l’aspetto poco allettante. C’è chi obbliga i figli a farci colazione o merenda sino a che non sono terminate, chi le fonde per fare salse da utilizzare per i dolci. Avete in mente qualche altro utilizzo?

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 Commenti

  1. io le mangio con il pane !! è una cosa che mi ricorda tanto la mia infazia, quando dentro il panino la mia nonna ci metteva il carrarmato perugina !!

  2. Montare della panna, spezzettare il cioccolato e rivogare alle amiche della moglie che sono sempre in visita. Tanto, nonostante le proteste sulle diete, sono tutte delle gole profonde!

  3. Se il cioccolato è buono chi le butta è un criminale! Gli ovetti in commercio zeppi di grassi vegetali vari andrebbero vietati per legge, chi li compra è poco furbo…

    Se si impara a temperare bene il cioccolato il riutilizzo per far cioccolatini e variazioni cicoccolatarie è straordinario e creativo… Sul mio blog potete vedere il tentativo di un novellino del cioccolato…
    ciao

  4. io faccio così, le sciolgo a bagnomaria e vi unisco un quintale di riso soffiato (quello per fare la colazione), stendo l’impasto su un piano e lascio raffreddare, poi divido in cubettini.
    vanno via come il pane!

  5. Io le spezzetto tutte, le racchiudo nell’ivolucro della sorpresa, e le colloco sul mio comodino da camera, e le mangio finchè non finiscono a qualsiasi ora del gorno e della notte!!! addio alla dieta e alle bolle tanto se non ci sono le uova ci sono i cioccolatini!