Scrivi “Club Sandwich” e subito pensi al mito inglese del panino farcito di qualità, dove gli elementi principali sono rappresentati da petto di pollo e maionese, che si distingue dall’hamburger infilato nel pane briosciato per una maggiore finezza dei sapori, per un certo snobismo nel prepararlo e nell’ordinarlo, dove tutti gli elementi appaiono equilibrati ; poi prendi Federico Vannini, chef del ristorante Pasha di Villa Cora a Firenze  e lo lasci interpretare il grande classico, rivisitandolo, ovvero mettendolo in carta quale antipasto particolare, che possa dare un ricordo ma che si distingua in colori e consistenze. Una carta, quella del ristorante Pasha che, dall’avvento del nuovo direttore Simone Giorgi, si è arricchita di quei piatti della tradizione italiana,  che un turista di stanza a Firenze vuole mangiare, dalla carbonara alla parmigiana di melanzane passando per l’aglio e olio che qui trovano la giusta condizione per esprimersi al meglio. Il petto di pollo proposto per il piatto è cotto a bassa temperatura non è asciutto ma morbido si scioglie in bocca: i pomodori sono carnosi, l’insalatina rinfresca bene l’insieme, sul finale la salsa all’uovo che ricorda la maionese è leggera ed invitante. Da consumare a due passi dalla piscina è uno dei piatti adatti per l’estate!

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 Commenti

  1. voleva dire forse caesar salad? ma anche per la caesar mancano troppi ingredienti. comunque ho guardato nel menu e il piatto non c’è oggi.

  2. Il piatto e’ nel menu non sarà riportato nel sito ma c ‘e non mi sbaglio con la Caesar Salad tranquilla.. Invece mi sono scordato dei crostini di pane tostato inseriti alla fine quelli si ci sono!

  3. intendevo che si sarà sbagliato chi ha scritto il menu. pollo e crostini sono nella caesar salad. non nel club sandwich che è pane in cassetta farcito con tacchino, bacon, lattuga, pomodoro e senape.

  4. cmq nel menu che villa cora ha su internet il piatto non c’è e quindi non si sa come si chiama e chi ha preso una cantonata.