Cosa mangeranno i cuochi nei loro momenti di libertà? Non tanto quando vanno a cena fuori nei giorni liberi, ma quando hanno terminato il servizio. Che ci crediate o no, il “junk food” ovvero il cibo spazzatura impera: i cibi osceni, che non dovrebbero piacere a chi è depositario dell’arte culinaria e che invece malgrado tutto, diventano protagonisti di notti passate davanti alla tv per fare un po’ di vuoto mentale prima di andare a letto, o di ritrovi con i colleghi una volta terminato il servizio.

toastRientrano nel genere le patate fritte inzuppate nel ketchup

i pop corn e le arachidi tostate e salate,

la maionese industriale sul tramezzino insieme al battuto di sottoli,

il toast con fettine fuse di formaggio e spalla cotta

La milanese accompagnata da condimenti grassi

E poi ci sono le passioni sane, le chicche, le particolarità, quelle che affascinano magari proprio i cuochi più creativi e moderni: le acciughe sotto sale e il burro salato, la ventresca di  tonno mangiata sul pane, la bottarga di muggine. Senza considerare chi ad una certa età, si ravvede ed inizia la parte delle verdure crude e al vapore

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 Commenti

  1. io son cuoca, di terra.
    matteo è cuoco, di pesce.
    ci siamo conosciuti in enoteca, quattro anni orsono, in un dopo lavoro: io surgevo ostriche sorseggiando chablis, lui mangiava prosciutto di norcia al coltello e beveva morellino di scansano…
    i cuochi tendono a non avere orari ed i loro frigoriferi son pieni di cose da bere e ben poco da mangiare..
    in frigo abbiamo, al momento: cetriolini in agrodolce, senape all’antica, yogurt (scaduto), cocomero intero e uno spicchio,pesche bianche, ciliege, burro salato, bottarga, marmellata d’arance amare, olive, lupini, pane per tramezzini, crema spalmabile al tonno di infima qualità, succhi di frutta, birre, pinot grigio di attems (il ramato), camparini, Pimm’s cup e Pastis…

    In congelatore:
    Ossobuco di chianina magistralmente cotto e conservato, bastoncini di pesce da friggere, orecchiette fatte in casa, carne cotta per kebap, un branzino percato a Fiumara, gamberi rossi sicilia da crudo, pane congelato a fette…
    ………………………………………………………………………………………….

  2. Una volta ero un cuoco… se mai si può smettere di esserlo.

    Troiai a parte (Nutella in primis, proprio io!!) uno dei piatti che preferisco cuocermi sono i tortellini in brodo.
    Brodo anche di dado, mi va bene lo stesso. Una volta nel piatto mi bevo il brodo, poi nei tortellini rimasti aggiungo una noce di burro e tanto parmigiano e pepe.
    Momento di goduria bambinesca.
    Se invece voglio eccellere mi butto su un risotto al pomodoro fresco fatto come Dio comanda, con il riso degli Aironi, il burro d’Occelli, il parmigiano di Bonati, il basilico del terrazzo e i pomodorini maturi.