Si è conclusa “Dolcemente Prato”, manifestazione sui dolci che si è svolta al Museo Pecci. Tre giorni divertenti, per tutti i golosi. Ci siamo divertiti lo ammetto, tante occasioni per conoscere personaggi come Fabio Picchi, che nel tè letterario ha parlato di come un cuoco non può essere pasticciere, o come Maurizio di Mario, pasticciere di “Chef per un giorno” che ha parlato di tiramisù, un dolce del quale è espertissimo, avendomelo propinato in mille versioni durante la trasmissione. ra le altre cose, o fatto parte della giuria che ha premiato il “Dolce video”. Qui vedete i due vincitori ex-aequo

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=O4TSOO3ybBE[/youtube]

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=I7qTN2w6zMA[/youtube]

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 Commenti

  1. Buonasera signor Romanelli,
    sono tra le fortunate che ,abitando a Prato, ha potuto passare tre giorni indimenticabili a Dolcemente Prato.
    E’ vero,il divertimento non è mancato,è stato un susseguirsi di splendidi eventi,sia golosi che culturali.
    Lo ammetto,per una food blogger,essere vicino a personaggi come la Fanella,Knam,Mannori, e chi più ne ha, più ne metta…non è cosa da tutti giorni,per me è stata una grande esperienza culinaria…
    Spero di rincontrarla il prossimo anno, eventi così vanno ripetuti.
    Un caro saluto Aurelia

  2. Mi associo a Aurelia, abitando a Prato ho FINALMENTE apprezzato la mia città in quanto per la prima volta ha organizzato un evento così interessante!!! ho avuto la fortuna di poter partecipare alla colazione della domenica, all’incontro del dolce del futuro e ne sono rimasta veramente contenta!!
    purtroppo non ho potuto partecipare all’incontro con Picchi, spero ci siano altre occasioni in futuro…
    Adesso mi sto preparando mentalmente per TASTE a Firenze, Lei ci sarà?!?!
    un sincero saluto!!!
    Federica

  3. Ottimi video, grazie per averli pubblicati tu altrimenti non avrei avuto modo di vederli. Il primo mi sembra un po’ tetro, il secondo lo apprezzo molto.