Magari parto da quella dei vini, visto e considerato che l’altra ho contribuito a redigerla e i commenti saranno diversi:quest’anno dissento molto dai risultati, in senso amichevole, sia ovvio, ma non sono in sintonia con molto si quanto pubblicato del Chianti Classico. Basta aspettare l’uscita della Guida del Gambero Rosso Slow Food il 23 ottobre per capirne i motivi, ci saranno molti vini premiati che non sono stati considerati da Ernesto e Fabio e viceversa. Però sono soddisfatto, nel senso che si comincia a delineare sempre di più uno stile tra degustatori differente e devo dire che trovo più accattivante un confronto con le loro scelte piuttosto che quanto leggo sulla guida dell’AIS e di Veronelli. “De gustibus..” si usa dire in questi casi..Oggi alla Stazione Leopolda, a Firenze, c’è stato come sempre un bello spettacolo, Andrea Gori che riprendeva come un matto e poi postava in diretta (operazione che per il sottoscritto è fantascienza!) sul sito di Kela Blu. Assaggiati tanti vini piemontesi, applausi calorosi da parte della platea a Stefano Bonilli, incontrato un numero enorme di persone…che bello!

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 Commenti

  1. ho anche ripreso un sedicente critico di ristoranti che le sparava grosse…;-)
    http://it.youtube.com/watch?v=6uwM1J6pc0o

    vizzari dice è colpa tua se Burde non ha la sua schedina…se ti faceva fatica scriverla te la facevo io 😉
    Scherzi a parte mi sono schiantato a vedere le pagine 480-481 ovvero due pagine dove ci siamo solo noi!!! (nella desolazione della zona ovest di firenze…). Me la sono fatta autografare da Enzo la pagina!

  2. Ciao Leo,
    solo per far vedere che mantengo le promesse e mi sono affacciato al blog.
    Appena mi dai un po’ di fuoco arrivo con la benzina…
    A presto,

    Stefano