Sette eventi conviviali per la nuova edizione di “Io sono fiorentino”, il progetto che promuove la qualità dell’enogastronomia locale e le produzioni tipiche di filiera corta

È stato il Grand Hotel Baglioni di Firenze ad accogliere nelle sale del suo ristorante panoramico B-Roof il primo dei sette eventi conviviali che da maggio a dicembre caratterizzeranno la nuova edizione di Io sono fiorentino, il progetto ideato da Confcommercio nell’ambito di Vetrina Toscana per promuovere la qualità dell’enogastronomia locale e le produzioni tipiche di filiera corta. Una iniziativa giunta alla terza edizione con il sostegno di Regione Toscana, Toscana Promozione Turistica e Fondazione Sistema Toscana, il contributo di Unioncamere e Camera di Commercio di Firenze e la collaborazione di Coldiretti Firenze-Prato.

Il menù proponeva infatti solo piatti elaborati utilizzando materie prime stagionali a filiera corta, sotto la supervisione di un tandem di chef d’eccezione (nella foto): il “resident” del B Roof Richard Leimer e Marco Stabile, presidente dei ristoratori fiorentini e patron dell’Ora d’Aria. Protagonisti di questo esordio sono stati le faraone e i fegatini di pollo dell’azienda agricola Orto Torto di Firenzuola, le ciliegie dell’azienda agricola I Carri di Vicchio del Mugello e il pecorino prodotto dall’azienda Bacciotti di Scarperia-San Piero; a cui si sono affiancati i vini dell’azienda Cesani di San Gimignano.

Il menù ha esaltato profumi e sapori dell’orto di primavera. Tra le proposte servite: bottoni di fave stufate con crema di pecorino e polvere di lavanda; faraona farcita del suo fegatino con fiori di finocchietto, salsa vinsanto e ciliegie; per chiudere in dolcezza crostatina di zabaione e ciliegie al cioccolato con salsa inglese alla salvia.

Dopo il ristorante B-Roof, il progetto “Io sono fiorentino” prosegue con altri sei eventi serali, uno al mese, aperti su prenotazione al costo convenzionato di 20 euro a persona, bevande incluse. Si parte il 15 giugno con la cena all’Osteria La Gramola di Tavarnelle Val di Pesa (via delle Fonti 1 – telefono 055 805 0321), che inserirà in menù piatti a base di raveggiolo, carne di manzo e vini rigorosamente toscani; l’11 luglio toccherà alla Trattoria Sciabolino di Empoli (via d’Ormicello 18 – telefono 0571924333), che si concentrerà sull’uso delle profumatissime pesche, della cipolla di Certaldo e della carne di maiale. Dopo la pausa ad agosto, si riprenderà il tour del gusto il 18 settembre al ristorante Il Vezzo di Firenze (via Guelfa 58R – telefono 055281096), che dedicherà un’attenzione speciale a olio, mele e miele. Il 26 ottobre toccherà al Mugello con l’Osteria et Bottega di Scarperia-San Piero (loc. Petrona 17 – telefono 0558402240) e i sapori autunnali di cavolo, cinghiale e marroni. Il 23 novembre sarà la volta del ristorante Carmagnini del ‘500 a Calenzano (via di Barberino 242 – telefono 0558819930), che proporrà ricette a base di pecorino stagionato, uova e zucca, e infine il 1° dicembre della Trattoria Ada di Firenze (viale Mazzini 25 R – telefono 3472620074), che si concentrerà su proposte legate a ricotta, patate e lampredotto o trippa. Per partecipare, occorre prenotarsi direttamente al ristorante che accoglierà l’evento prescelto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nessun commento