Osservo le gelaterie sul corso principale della ridente cittadina di villeggiatura(non so perché mentre cammino in mezzo ad un carnaio terribile, mi immagino la stessa strada un pomeriggio di novembre desolatamente vuota..): sono i locali veramente strapieni, dove si ferma un numero incredibile di persone. Effettivamente, sono i più democratici, a tutte le età un gelatino lo si può mangiare(ok, io sono a dieta e quindi non lo mangio, ma andiamo avanti..) e noto le differenti strategie di marketing: anche qui funziona l’autoctono. Quello che mette cartelli da tutte le parti, nei quali annuncia l’utilizzo di prodotti locali come mirto e fico d’India è sempre pieno, mentre altre gelaterie più piccole stentano. E’ anche vero che sono quelle che hanno pochi gusti ordinari, il che sarebbe positivo se fossero preparati con ingredienti di prima qualità, ma il grembiule di uno dei titolari, che mostra la scritta di una famosa ditta di semilavorati per gelaterie non lascia ben sperare. In altri locali, il gelato straborda dalle vaschette, con l’aria fredda che viene insufflata per tenerlo su..non ci sono carapine da nessuno parte.Ma a voi, in estate, cosa vi piace: le coppe variegate delle gelaterie adriatiche? O i gusti veri?

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 Commenti

  1. sempre & solo i gusti veri
    io il gelato lo mangio abitualmente anche d’inverno
    🙂
    ti garantisco che non è necessario immaginarla a novembre: basta andarci a giugno; all’epoca il ‘salto’ di settimana, tra la III e la IV fu impressionante: arrivai a paese deserto, dal sabato in poi, fino alla partenza (non solo il finesettimana, quindi) si stentava a trovar parcheggio . . .

  2. Buon giorno Leonardo .
    mi dispiace che tu sia a dieta;
    appunto la tua dieta mi ha fatto ricordare un agriturismo SA BIGIA (o sa bingia non ricordo bene)in cui mangiai tre anni fa e mi colpi’ la quantita’ industriale di cibo ottimo che mi servirono oltre ai numerosi spiedi con le braci fumose e porchette fumanti.
    DAI FAI UNO STRAPPO ALLA REGOLA!!!

    SALUTI E BUONE VACANZE

  3. Tutte le volte che entro in una gelateria (particolarmente famosa a Firenze) sono attratto da gusti inusuali e non canonici ma poi non resisto e casco sempre sui solito 4 o 5. Amo il pistacchio, la crema fatta con le uova (non capita spesso!!), la nocciola, il buontalenti e il fiordilatte.

  4. …devo dire che io il gelato lo mangio soltanto d’estate…perciò me lo gusto da morire…

    …ma ogni gelateria ha per me il suo gusto top…

    …e a Pistoia devo dire ce ne sono 3o4 da guinnes dei primati…

    …la nocciola in uno…il cioccolato fondente e panna montata in un altro…il latte imperialie appena fuori il centro…

    …si hanno anche altri gusti favolosi, il gelato è moooolto buono tutto…ma io non ce la faccio…in ognuna scelgo il gusto sublime…

    Per il resto, Pistoia, non è un granchè….gelato parlando…