E’ aperto da tanto ma non ero mai riuscito a visitarlo. Si tratta di un’associazione culturale, (se conoscete l’inglese potete leggere tutto nel loro sito)dove lavorano studenti americani che frequentano la scuola di cucina “Apicius”, che ha sede, sempre a Firenze, in via Guelfa. Ben organizzata, dispone di attrezzature e strutture che le scuole alberghiere statali vorrebbero avere. Dopo anni passati a gestire la scuola e tenere i contatti con gli Stati Uniti,Gabriella Ganugi, la titolare, decide di aprire un’associazione che fungesse da ristorante(ci vuole la tessera per mangiare)gestito dagli studenti con a capo un responsabile di cucina ed uno di sala. In cucina opera Pierluigi Campi, già visto all’opera nei ristoranti fiorentini. Il menu del pranzo è di quelli adatti ad un pasto veloce, insalatone, scelta di un paio di primi ed un paio di secondi. Gentilmente, lo chef ha preparato due piatti della sera: un salmone marinato in casa servito su insalatina mista ed un baccalà fritto con chutney di ananas. Il tutto ben eseguito, con un servizio rilassato e attento. Carta dei vini ristretta. Il posto ha un’atmosfera gradevole, adatto a chi vuol mangiare per proseguire la serata ed anche per chi ci arriva dopo un cinema. Ci vorrei tornare anche solo per assaggiare un piatto da vero Modernariato anni 80: il risotto con le fragole! Sui 30 euro. P.S: Per i non fiorentini cosa vuol dire Ganzo? leggete qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nessun commento