“Non era facile” pensava lei tra se’, arrivata ad una certa età diventava difficile fare il passo da sola. Le amiche, ma anche gli amici, le avevano detto che si doevva fidare, che loro erano con lei, non l’avrebbero lasciata da sola. E poi, continuava a ragionare, è straniero, appartiene ad un altro Paese, non così strano d’accordo, però si trattava sempre di una cultura diversa, abitudini differenti..chissà che reazione avrebbe avuto. Da giovane non le erano certo mancate le occasioni, aveva sempre rifiutato senza un motivo preciso, un po’ per noia, un po’ perchè distratta da altre cose. Ora aveva deciso, era stata convinta, questa era la vacanza della riscossa, nella quale doveva fare quello che veramente voleva. In albergo , quella sera, era con tre amiche, anch’esse spinte dalla voglia di divertirsi. Lei, che era sempre stata attratta da soggetti bollenti, vedeva lui così freddo e calcolatore un po’angosciata ma aveva deciso di proseguire: le amiche l’avevano lasciata sola, non potevano intromettersi e questo lo capiva. Finalmente lui arrivò: lei emozionata cominciò a respirare in maniera più affannata e, quando fu a breve distanza,il profumo che emanava la ghermì. Fu seducente e vitale allo stesso tempo, lei si lasciò andare e godette in maniera assoluta e profonda del suo primo gazpacho

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nessun commento