Sembra quasi di parlare di preistoria alimentare, citando come piatto tipico toscano  le frittatine trippate. Inesistenti nelle trattorie, come quasi tutti i piatti a base di uova, nascono dalla fantasia popolare, che spesso ovviava alla cronica mancanza di materie prime per sfamarsi. Adesso che la carne ha costi accettabili, tanto che, per assurdo,  diventa un lusso seguire una dieta  completamente vegetariana, pare impossibile pensare che, ad alcune famiglie diventava proibitivo arrivare a comprare la trippa. Per tale motivo, si inventò un piatto che la ricordasse, con lo scopo principale di riuscire a ricreare un intingolo nel quale tuffare grandi quantità di pane: la pancia vuota rimase per anni, l’incubo notturno di molti contadini. L’esecuzione è semplice, ma di grande effetto : si tratta di preparare tante frittatine di spessore medio, che vanno poi tagliate a sottili listerelle. Per averle meno morbide, meglio aggiungere all’impasto un po’ di farina, tanto da fare  delle simil-crepes. Ecco così ricreata la trippa, che va fatta cuocere in una salsa di pomodoro, arricchita di tutti gli odori e insaporita alla fine con burro e parmigiano. Parlando di frittate, la differenza fondamentale che hanno con l’omelette è risaputa dagli addetti ai lavori ma non da tante persone: mentre la cottura della frittata si svolge in due tempi, e per questo la si deve rivoltare per una perfetta riuscita, l’omelette ha una cottura unica, poichè deve risultare morbida all’interno e croccante e dorata all’esterno. Gli ingredienti sono gli stessi ma la tecnica di lavorazione cambia: non vi fate illudere, quindi, da nomi altisonanti che sembrano nascondere chissà quali delizie , per poi rivelarsi mezze delusioni. Basti pensare all’"omelette confiture" che altro non e’ che una semplice frittata ripiena di marmellata. In quanti la mangerebbero, se sul menu ci fosse scritto "frittata con le more"? Potenza della lingua francese!

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento

  1. Beh, mi par d’aver trovato un fratello: mi riferisco alla passione sfrenata per le frattaglie. organizzo a tempo perso cene tematiche nei locali della mia zona (nel padovano, sui colli euganei). quando finalmente mi deciderò a lanciare la mia CENA INTERIORE, te lo farò sapere