Se non trovate il tartufo fate come a Faenza..fate senza!!!

Ingredienti per 6 persone: 300 g di fegatini di pollo, 250 g di burro, 3 foglie di salvia, sale fino, pepe bianco, un mazzetto di maggiorana, 5 cl di panna, 1 tartufo nero di circa 50 g, 1 dl di Porto Ruby, 6 fette di pancarré.

Pulire i fegatini, eliminando l’eventuale parte di fiele. Sgrassarli, lavarli, asciugarli e farli cuocere a fuoco medio, in padella, con 70 g di burro e la salvia, facendo attenzione che non prendano un colore eccessivamente scuro. Aggiustare di sapore con sale e pepe, quindi togliere dal fuoco e passare al setaccio a trama sottile. Al posto del setaccio si può usare anche il passaverdure a fori piccoli. Disporre i fegatini passati in una zuppiera quindi, con l’aiuto di una frusta(benissimo il frullatore ad immersione), aggiungere il restante burro, poco per volta, fino a che il composto non appaia ben spumoso e gonfio. Unire allora la panna e il Porto e far riposare in frigorifero per circa dieci minuti. Preparare un tasca da pasticcere con il beccuccio rigato, riempirla con la spuma e distribuirla in quantità regolari, nei piattini da antipasto, formando una piramide a spirale . Decorare con il tartufo nero tagliato a lamelle e servire con il pancarré tostato in forno e tagliato in forma triangolare.

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nessun commento