Il nome è accattivamte, soprattutto adesso che lo spumante è di gran moda. La manifestazione emigra dalla natia Valdobbiadene per approdare in quel di Venezia, a Ca’Vendramin, ovvero il Casinò, che apre le sue porte anche per gli appassionati di vino. 52 aziende ed 8 consorzi si presentano, per una degustazione impostata in maniera molto professionale: anche i semplici amatori potevano sedersi, con un ottimo servizio di sommelier che permetteva di assaggiare tutti i prodotti in degustazione. A latere, la possibilità di seguire i convegni dedicati agli argomenti legati allo spumante. Si potrebbe definire una sorta di numero zero della manifestazione, per vari motivi: cambiati i vertici dell’organizzazione, nuova città che ricerca così un respiro di interesse nazionale, nuova sede prestigiosa, che può anche “spaventare” alcuni dei visitatori, anche se permette una maggiore attenzione degli assaggi. Ad oggi, visto il numero e la tipologia dei produttori presenti, si parla ancora molto veneto, con tanti prosecco in degustazione, il che limita lìaffermazione degli Spumanti d’Italia. La Franciacorta, rifiutando il nome spumante, non fa parte dell’iniziativa, così come mancavano alcuni trentini “di peso” e magari sarebbe interessante, per il futuro, intercettare le nuove realtà spumantistiche diffuse in tutto il territorio nazionale, considerata la gran moda delle bollicine.Non sarebbe male pernsare all’evento suddiviso tra amatori ed addetti ai lavori: nel primo caso, rendere più facile il contatto con i produttori con i consueti banchi d’assaggio, mantenendo invece il tasting seduto per giornalisti ed operatori. E magari poter fare degustazioni guidate di tipologie diverse, magari tra vitigni autoctoni. Tra quanto assaggiato, dovendo scegliere ho fatto una degustazione di tutti i prodotti non prosecco, graditi il brut “Federico II Rex Sicilie” dell’azienda Milazzo,il brut Filanda Rosè di Bortolomiol, l’Altemasi Riserva Graal 2003 Trento Doc di Cavit e il brut La Scolca D’Antan Riserva 1998. Attendo fiducioso la prossima edizione!

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nessun commento