Era paonazzo, grondante sudore, si notava quasi una liquefazione nelle sue membra, una volta salde, che tendevano ad adagiarsi con una certa voluttà. Ispirava godimento ma anche peccato, senso di colpa ma goduria estrema, un coacervo di sensazioni estreme solo a guardarlo. L’odore della sua pelle poi, colpiva le narici infondendo  la voglia di saltargli addosso, per gustare appieno la sua lussuriosa capacità di risvegliare emozioni quasi sopite..Poteri di uno zampone..

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento