La notizia è rimasta riservata fino all’ultimo poi, durante la presentazione della guida dei ristoranti di Roma di Repubblica, l’annuncio: Filippo La Mantia il 31 luglio lascia il ristorante che porta il suo nome. Questa la dichiarazione che ha rilasciato a l’ANSA: ”Lascio un’attivita’ in piena salute il 31 luglio – ha detto a margine della presentazione Guida Ristoranti di Roma de La Repubblica – e passo il timone a Massimo Riccioli. Non ho nessun progetto nel settore, ma io vivo di passioni e dopo cinque anni voglio ritrovare il mio vero stile di vita”. Nei siti gastronomici non se ne parla granchè ma non è strano: non è mai scoppiato l’amore tra il cuoco siciliano e la stampa specializzata, che non gli ha mai perdonato il successo, accusandolo di non saper cucinare. Filippo è andato avanti per la sua strada e i fatti gli hanno dato ragione: tra i primi a sdoganare le frittate, riservando uno spazio apposito della carta, dove proponeva quella di ricotta fresca, cannella e pomodori o quella di spaghetti,deve però il suo successo alle mille elaborazioni del cous cous e al pesto di agrumi. Mai usato cipolla ed aglio per la preparazione dei suoi piatti, anche questo gli è sempre stato contestato: non dai clienti che apprezzavano il poter cenare passando poi sonni tranquilli. Il futuro? Quello prossimo è un programma in TV con Davide Oldani,”The Chef”, in onda su La5 da settembre, che girerà nel mese di Luglio. Poi chissà..in cucina potrà sicuramente continuare a stupire con le sue performance, come ha fatto il 1 Giugno a Venezia all’inaugurazione della Biennale ma non è detto che invece cambi genere: un passato da fotografo ce l’ha già..

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

9 Commenti

  1. Caro Leonardo, grazie per quello che scrivi e come mi hai sempre pensato. E’ da ieri che leggo commenti, ovviamente negativi, sulla mia persona e su quello che faccio da 11 anni. Non ho mai capito perché tanta cattiveria. Forse non me ne importa o forse si. Non so cucinare, sono un poco di buono, frequento solamente VIP, fanno sarcasmo su facebook in merito alla mia decisione di ‘lasciare momentaneamente la conduzione del ristorante’ che sarà un lutto per tutti. Addirittura che lascio il mio ruolo di ‘pseudocuoco’ per la televisione. Quante fesserie e quanta gente che parla a vanvera. Hanno pure postato la mia intervista fatta a MTV e PIF sulle mie battute riguardo i miei colleghi, se posso essere definito un collega, in tv. Mai invidiato nessuno, mai parlato male di nessuno. Culturalmente questi sentimenti negativi non mi appartengono. Ho scelto di scrivere nel tuo blog, giusto?, perchè in questo momento avrei voglia di parlare con tutti e raccontare loro tutto. Non sanno nulla e probabilmente non gli frega nulla di sapere. Solamente che trovo triste tutte queste infamità.
    Con stima
    Filippo

    • Ed io che stavo mettendo i soldini da parte x festeggiare la mia laurea con un pranzo condito dalla affascinante visione dello chef Filippo..:(

  2. Bei tempi quando il “role model” dei cuochi era un generico “coco lezzone”, grasso e coi baffi, che svolgeva il suo lavoro senza grilli per il capo.
    Ora gongolano a farsi chiamare chef, ma si scocciano di spadellare dopo cinque anni, sognano di andare in tv e perché no, c’è sempre tempo per fare il fotografo.
    Viviamo tempi confusi a tutti i livelli.

  3. Allo chef La Mantia da sua cliente dico che ha fatto uno splendido lavoro al Majestic , piacevole ristorante cucina discreta splendida atmosfera buona carta dei vini siciliana ma con ampia possibilità di scelta e prezzi giusti …. forse se fosse stato più caro qualche appunto gli si sarebbe pure potuto muovere ma dopo aver frequentato a lungo un certo tipo di ristorazione dico che per i prezzi che è riuscito a mantenere andava più che bene .
    A Massimo Riccioli faccio i migliori auguri mangio ai suoi ristornati da quando ero in culla ed è un gran professionista nel suo lavoro !
    Da figlia di chef dico inoltre a La Mantia di non guardare a ciò che scrivono e dicono ma di andare dritto per la sua strada e continuare a portare avanti le sue passioni senza compromessi verso quel certo tipo di persone che un giorno ti esalta e l’altro di distrugge , di questo sono fiera di mio padre che è andato per la sua strada e non ha seguito le mode non è sceso a compromessi ma ha fatto la sua cucina come credeva fosse giusto farla … Continui anche Lei a fare ciò che crede sia giusto per se stesso , guardandosi indietro si guarda con serenità !!
    In bocca al lupo
    Sharon Minnetti

  4. Buongiorno a tutti , volevo sapere se Filippo La Mantia opera ancora all’hotel Majestic , visto che il 30 maggio 2014 sono a Roma e volevo assaggiare il suo famoso brunch … Fatemi sapere al piu’ presto perche’ cosi’ posso prenotare , grazie

  5. Salve mi chiamo Nunzio Curigliano, sono calabrese ed ho 33 anni. Abito a Maccarese in provincia di Roma dal luglio del 2013 presso mio zio. Non sono mai stato all’Hotel Majestic anche se ho abitato a Roma per quasi 20 anni. E’ la prima volta che vengo su questo sito.