Ci sono dei locali che esistono da cinquant’anni, che sono frequentati giornalmente da una clientela affezionata e variegata, che cambia a seconda dell’orario della giornata: la pizzeria I Briganti appartiene a questo genere di ristoranti, rimanendo aperta fino a tarda notte, ma servendo a pranzo un folto numero di pensionati ed abitanti del quartiere. Insomma, è un locale dove si è accolti con il sorriso sulle labbra e la giovialità classica di chi lavora con impegno e passione. Ecco che in questo caso diventa difficile il lavoro del critico se mangia i piatti esulandosi dal contesto nel quale si opera. Il menu potrebbe essere ripreso da una trattoria degli anni Sessanta, con alcuni piatti in carta che sanno tanto di nostalgia ed è per questo che mi sono sentito obbligato a prenderli. Il “consommé” è in realtà un brodo, non sgrassato, con quelle che i nonni chiamavano le “stelline” ovvero tutto il grasso che affiora in superficie, la mozzarella in carrozza è priva della saporita acciuga e l’olio nella quale è fritta ha visto tempi migliori. Prova ne sia che i carciofi e le patate fritte di contorno appaiono scuri e mosci: accompagnano delle piccatine al limone consolatorie. Ma il fenomeno sono gli spaghettini: in pieno autunno, ma saranno presenti anche in inverno, fuori stagione insomma, prevedono pomodoro fresco, parmigiano, olio, qualche erba aromatica, peperoncino. Si possono mangiare in casa, da qualunque altra parte, ma non avranno mai quel gusto…insomma, la visita è altamente consigliabile ai giovani che vogliono capire cosa era una trattoria del passato, con i camerieri che fumano durante il servizio, con i vestiti che, una volta usciti, testimoniano il menu del giorno:-))25 euro per tre portate escluso vini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 Commenti

  1. Mi scuso con l’in Pizzeria Ristorante Briganti per l’incursione fuori tema e con l’autore del post, ma non sapevo dove infilare questa mia richiesta ed è toccata qui.
    Leonardo, ma te sai dove si trova il Bar Trattoria Necchi della finzione cinematografica?

  2. I briganti, la pizzeria della mia infanzia… le stesse persone tutti i giorni al tavolo dietro la colonna! La cortesia dei deliziosi “fratellini”, il saporitissimo brodo, i tortellini al ragù o panna e prosciutto e i meravigliosi spaghettini al pomodoro con tantissimo parmigiano e una ricca spolverata di peperoncino, il calzone con tantissimo pomodoro… io ci andavo quando la pizza al prosciutto costava 3000 lire! L’unico appunto forse è l’aumento dei prezzi (sbaglio 9 euro gli spaghettini?), ma il sapore di un locale di altri tempi è assolutamente intatto.