Si, lo so,pare brutto ridurre la definizione  di un nuovo locale indicando il lavoro principale dei soci , ma considerando come è stata organizzata la conferenza stampa, era più facile sentirsi all’interno di uno stadio IMG_9135che di un locale: poche parole sull’attività commerciale appena inaugurata, molte domande legate al futuro del pallone, e poi i soci che lavorano tutti i giorni nel ristorante  a cercare di spiegare il progetto, che poi unisce la passione della moda con quella del pallone. Che parte in maniera interessante, almeno da un punto di vista tecnico, confesso che mi sarei aspettato nel menu la milanese con i pomodorini e la rucola , bresaola e carpacci a go go ,ed invece la proposta della sera , almeno sulla carta, è di quelle che possono competere con ristoranti di indubbio valore. Piccolo IMG_9209riassunto di quanto è successo: due calciatori di serie A, Gilardino e Dainelli, decidono con Spalletti, allenatore della Roma, di aprire un ristorante a Firenze che ricordi la loro professione. Insieme a loro, altri soci provenienti dal settore della moda. I locali sono quelli che hanno ospitato l’emporio Armani e Doney, quando il ristorante si trasferì dalla sede originaria di via Tornabuoni, prima di scomparire definitivamente. Colori chiari nell’arredamento: si parte con il bancone IMG_9212del bar sulla sinistra e tavolini, dove è possibile consumare da bere ma anche mangiare con il menu del giorno, dove si trovano hamburger, pizze, insalate, primi piatti. Merita farsi preparare un cocktail dal barman, dotato di fantasia e del savoir faire necessario alla professione. Altra sala a seguire è quella che deve ricordare il campo da calcio, con finta erba sul pavimento, il tavolo a forma di calciobalilla lunghissimo ed infine l’ultima sala, quella principale, con la cucina a vista, posizionata su due livelli. Alle pareti, foto dei calciatori di varie epoche, cimeli storici, come le scarpette da calcio in bella vista , magari poste vicino al tavolo dove si mangia, chiuse in una teca ovviamente, e schermi  di varie dimensioni dove vengono mandate in onda immagini di partite di calcio: se non siete patiti di tale sport, concentratevi sulla conversazione. Anche in bagno, una collezione completa di giocatori del Subbuteo! Dopo un giusto rodaggio sarà possibile capire le potenzialità di una IMG_9208cucina che propone nel menu piatti come il polpo rosticciato su crema di peperoni dolci o il risotto alle vongole veraci e nero di seppia. Le prime prove sono molto confortanti: la panzanella di pane croccante con i calamari saltati è fresca e gradevole, così come il baccalà mantecato con la vellutata di ceci. La pizza con fior di latte e alici del Cantabrico ha un buon impasto, considerando che è preparata nel forno elettrico è anche ben riuscita, magari se le alici vengono servite a parte se ne esalta maggiormente la qualità. Carta dei vini ristretta, senza troppa ricerca ma adatta al luogo, con qualche errore da correggere, servizio casual,  cortese e spigliato. I piatti a pranzo costano sui 10 euro, da testare anche la sera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nessun commento