L’odore lo attirava in maniera quasi animalesca..più che odore il profumo, intenso, vivace, quanto mai variegato. Inutile far finta di niente, la mente tornava sempre lì..in estate poi il desiderio diventava insopportabile, e il mischiarsi degli umori, sudore a saliva, in un crescendo di sensazioni decisamente avvincenti, lo tormentava. Sapeva che non poteva abusarne, che doveva riuscire a frenarsi in tempo ma gli sforzi prodotti non portavano allo scopo: s’ allontanava ed era sempre attorno. Lo stomaco si stringeva dal desiderio, le labbra inaridite avevano bisogno di essere umettate in continuazione con la lingua, si trattava di passione allo stato puro. C’era qualcosa di sbagliato in una volontà che si manifestava quando non doveva, capiva i risultati nefasti nel volersi abbandonare ad un godimento assoluto e prolungato, ma la passione superava ogni sua resistenza e quindi, arrivato al dunque, raggiungeva l’orgasmo quando, seduto, si gustava in beatitudine la trippa al sugo con fagioli in piena estate..

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 Commenti

  1. bellissima!!!! hahahahahahahah, sono esplosa in una risata incredibile!!!! tutto m’aspettavo tranne la trippa!!! hahahahahahahah

  2. Lei professore mi sorprende…è un somma poeta…scusi sommo poeta… vede riesco ad essere anche discreto e non forbito ;)) professore come è andato il pranzo ieri la romanella frizzante di cui mi parlava ha fatto i suoi effetti?
    sempre suo devoto cordialmente saluto…mhhhhhhhhh come sono educato oggi mi sento un fiorellino di bosco