Il resoconto che fa Andrea Gori su Intravino, relativo alle bordate che il nuovo presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, ha tirato, durante il Vinitaly,  sui vini toscani, fa riflettere. Analizzavo da tempo il fatto che la Toscana, da tempo  senza un assessorato all’agricoltura, affidato ad un presidente della regione, sostanzialmente poco interessato al mondo enologico, potevano nascere dei problemi, sia in campo nazionale che internazionale. Questo non vuole giustificare assolutamente comportamenti illeciti, al contrario: una presenza forte sul territorio serviva proprio a tamponare e limitare situazioni non in linea con le leggi vigenti. Speriamo proprio che il neo governatore  Enrico Rossi provveda ed eviti di lasciare scoperta una casella di fondamentale importanza per l’economia toscana: che si tratti di motivazioni politiche o meno, certi attacchi non fanno certo bene all’immagine del territorio. Poi, ovvio, c‘è chi la pensa diversamente, ma il mondo è bello perchè è vario

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento

  1. certo che una regione ai vertici mondiali nella produzione enologica senza un’attenzione particolare a questo settore da parte delle istituzioni sarebbe comica, se non facesse piangere..