“Alla vista si presenta bello, luminoso, per come si staglia attarverso la luce. Il profumo è indefinibile, un misto di fragranze accattivanti che attirano e circuiscono, quasi a cercare un legame tra lui e voi. L’ingresso in bocca è stupefacente, entra morbido per poi prendere vigore, rimane teso, gustoso per regalare un finale di estrema soddisfazione”…dimenticavo:è la descrizione di un vino se non ve ne foste accorti

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 Commenti

  1. Comunque non mi sembra il Vate, mancano quei dieci-venti termini che finiscono in -oso. Ricorda alcune perifrasi veronelliane, tipo “nerbo che si prolunga in morbida stoffa”, roba da parental advisory.