Ripenso spesso a come sia oltremodo noioso ascoltare un degustatore, che sia sommelier o altro, che spiega il vino seguendo lo schema di una scheda organolettica. La stessa potrà essere utile quando si inizia ad imparare, servirà a creare della basi per il neofita, ma quando ascolto in pubblico un degustatore voglio qualcosa di più. E’ come leggere una tragedia al liceo, durante l’ora di greco, o andare a teatro e seguire l’attore che la mette in scena: da lui che l’ha studiata ed assimilata a fondo pretendo qualcosa di più, che mi dia un’emozione, che mi faccia entrare in quel mondo da un’altra porta, grazie agli studi che ho fatto e che mi hanno preparato ad apprezzare l’opera. A volte però, in campo enologico, si pensa che basti fare uno show improvvisato per emozionare il pubblico, e quindi si assiste all’esibizione di persone che pensano basti utilizzare aggettivi roboanti per impressionare la platea. Dalle nuances di pelo di agnello bagnato, a quelle di humus , passando dall’essenza di aghi di pino distillata alla marca di sigaro con provenienza di tabacco certificata, è tutto un florilegio di definizioni che impediscono al pubblico di capire, per mantenere le distanze tra degustatore e ascoltatore. Volendo fare un paragone con la musica, ci può essere una via di mezzo tra Robert Fripp e Toto Cutugno, un ascolto gradevole che non debba essere per forza impegnativo. Tornare al concetto di musica pop dovrebbe essere l’obiettivo da raggiungere e quindi anche la degustazione può riuscirci, magari rottamando una serie di comportamenti oramai inutili e antiquati . Intanto ascoltatevi loro ..

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=BfOdWSiyWoc&list=PLD96DBE7E46FAD03E[/youtube]

Credits Walter Leoni mondodelgusto.it

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento

  1. Complimenti Leonardo, avrei voluto scrivere io questo articolo!!! e credo che lei sia stato enormemente corretto e gentile nel descrivere certe pubbliche degustazioni…Da tappezzare i muri!!!