A poco più di un mese dall’apertura del negozio, ecco che apre i battenti anche il ristorante “Da Vinci”, che vede al timone di comando Enrico Panero, giovane ma già esperto chef piemontese, che si è fatto le ossa a Genova, sempre nel ristorante di Eataly, collezionando poi esperienze internazionali. Lo staff è giovane, motivato, per una sfida che si preannuncia interessante. Sarà aperto dal martedì alla domenica a pranzo, con un menu non troppo ampio ma calibrato su prodotti di stagione, con buona alternanza tra carne e pesce. Si accede dal negozio, dalla sezione del Vino Libero al primo piano e si sviluppa in quattro salette collegate tra loro. Arredamento essenziale e lineare, permette di concentrarsi sui piatti: lo stuzzichino cambia giornalmente, suddiviso tra chi sceglie il piatti di terra e di mare: può capitare un assaggio di tartare preparata con manzo della Granda piemontese, poi si parte con un avvolgente cremoso di cardi, con fegatini di pollo al vin Santo e castagne, adatto a chi ama gusti forti e decisi. Avvolgente e delicato l’uovo con ortiche, caviale e verdure in carpione, con pane tostato a completare. Tra i primi, destano attenzione i pici, sorta di spaghettoni tipici del senese, preparati con farina ed acqua, conditi con borragini, calamaretti e arachidi salate. Come secondo inusuale ma convincente il polpo di scoglio con brace di patate al nero di seppia, con maionese preparata con l’acqua di cottura, senza uovo: un bel contrasto di sapori e temperature. Altrimenti, per chi ama la carne, ottimo l’agnello in due cotture, con IMG_4961carciofi e cavoletti al miele, saporito e tenero. Si chiude con scelta di dolci golosi e non banali, come il tortino caldo al pistacchio di Bronte e gelato al caffè, oppure una fresca e gradevole composizione di agrumi come mandarino, pompelmo e limone sotto forma di sorbetto e semifreddi. Altrimenti parfait con cantucci, Vin Santo e latte di mandorle. Menu degustazione proposto a 75 euro..si va ad incominciare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nessun commento