La location sarebbe di quelle che spaventa il fiorentino medio: via Dante Alighieri, in pieno centro storico, con mole di turisti non indifferente che passeggia nei pressi, anche se qui l’importanza storica non manca. Il locale si divide in due grandi sale, con la possibilità. futura visto il periodo, di mangiare fuori, nella piazzetta antistante. Una volta Pennello era famoso per i suoi antipasti, disposti sui tavoli centrali a buffet, dalle 40 alle 50 varietà che facevano impazzire gli amanti dei piatti ricolmi. Oggi il menu rimane di un’ampiezza impressionante, rispetto alle carte che di solito si trovano in giro, ma si avverte subito grande professionalità, sia per chi lavora ai fornelli, sia per il personale di sala. Il sorriso è naturale, non forzato, il lavoro scorre veloce, ma senza fretta, si mettono d’accordo gli amanti del pesce e della carne, le pietanze spaziano dalla milanese(sai contenti i bambini!) alla fiorentina, dagli ossibuchi al baccalà, passando per il fritto di paranza e i moscardini in umido. Chiaro che tutto quello che parla toscano non manca, dai crostini alla riboliita; certo, tra i primi abbonda un po’ la panna, ma la scelta è tale che si può spaziare. Tra i dolci, le pere al forno al vino rosso sono un must da non perdere. Scelta dei vini discreta, sui 35 euro, esclusa la bistecca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

9 Commenti

  1. esatto.. ho abitato 7 anni a firenze e in centro mi hanno sempre sconsigliato.
    Non essendo un amante della fiorentina, quando ho chiesto un posto x mangiarla buona e spendendo il giusto, mi hanno mandato addirittura a San donato in Collina al rist il Nuovo ranch (magari voi del mestiere, se lo conoscete, ditemi se è realmente buono, visto che nel mio piccolo quando ci porto qualcuno esulta, ma io nn so giudicare)
    Ma questo lo proverò, la posizione è talmente comoda x le gite che facciamo oramai da Roma, che è un peccato non provare…

  2. Grazie Leonardo, il tuo commento ci fa onore e lo sottoscrivo in pieno! Leonardo e la mitica Nara hanno mangiato pesce (moscardini in guazzetto, insalata di mare, sautè di cozze e vongole e gran fritto di pesce per finire) quindi il suo prezzo medio è riferito ad un menù di pesce. Per la ribollita e la trippa, bastano 20 euro con bicchiere di vino della casa e caffè!