Evitiamo l’ennesima cravatta, il portafoglio e tutto quello che dimostra che non avete nemmeno uno straccio di fantasia. Cerchiamo invece di buttarsi in ambito enogastronomico, che così la sfangate sempre, e magari fate felici anche chi gli sta accanto

1 BUONO CENA

Scegliete il ristorante”sicuro”, quello di cui vi ha parlato, che lo incuriosisce ma dove ancora deve mettere piede. Evitate di creare situazioni per lui imbarazzanti, niente cotillons, meglio un menu studiato con accanto i vini abbinati, per evitare che quella sera debba scegliere. No a etnici o cucine per lui non comprensibili, magari è la scusa per farvi accompagnare!

2 BOTTIGLIA DI VINO

Se è una che sia almeno una magnum per aprirla in grandi occasioni..e la sua festa può essere una di quelle. Se sono bollicine servitegliela freddissima così che la consumi con voi, altrimenti un rosso da invecchiamento da tenere in cantina. Ma non troppo: non fatelo arrivare alla festa dell’anno successivo!

3 DOLCE GIGANTE

Solo se gli avete organizzato una festa con un cospicuo numero di amici: non è un compleanno, ricordatevelo, è una ricorrenza in cui si troverà ad essere sempre contento. ALtrimenti la scatola di cioccolatini va bene solo se è di un cioccolataio famoso

4 GHIOTTONERIE

Esagerate: ostriche, tartufi, caviale, salmone affumicato, aragosta. Tutto in una volta così non potrà dire che non li ha mai assaggiati

Se poi volete completare il tutto , una guida gastronomica che lo accompagni durante l’anno per non sbagliare ristorante, cosa che farà regolarmente

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento

  1. Se devo pensare a una canzone da legare a mio papà me ne viene in mente una che non ha a che fare con i papà in sè. Ovvero Kiss me Licia. Lui, stonato come una campana, la cantava in macchina cambiando pure le parole per farmi ridere, quando ero piccola e mi portava a scuola. Che ridere. Quanti anni e quante cose son passate da quei momenti Buona festa del papà a te che ti senti “imbranato ma t”impegni. Bacio. Vane