La crisi è grave, si vende poco e quindi, quando i tempi si fanno duri, sono proprio i duri che si mettono a giocare: in questo caso è la rivista Playboy che decide di entrare nel settore enologico con una serie di etichette aventi come tema le “conigliette” che lo hanno reso famoso. La domanda è:saranno indicate per una romantica cena a due?Possibili reazioni della signora invitata?

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 Commenti

  1. ohi devo dire da femminuccia che non mi farebbe molto piacere fare una bella cenetta romantica con una “signorina un po’ disinibita” letteralmente tra noi due :-), ma credo che ci siano molte altre situazioni azzacate (parlando al di là della crisi ovviamente) prima di tutti gli addii al celibato (purtroppo io parlo del mio settore portate pazienza 😀 ) …però c’è anche da dire che scegliere per un cena intima a due comunque un vino come il “soffocone”…:-D insomma lascia un po’ a desiderare a parte l’etichetta no?
    Silvia

  2. Se vogliamo parlare di nomi non adatti ne ho un sacco e una sporta: non ordinerei mai, un Ficaia, un Bricco dell’Uccellone, un Merlot della Topa Nera, tanto per capirsi. Ma qui è l’imagine: donnine discinte in etichetta e la tapina che fa? Abbozza, fa la spiritosa, l’arrabbiata, replica?

  3. se il mio accompagnatore, magari nuovo di zecca, ordinasse una bottiglia con la coniglietta?
    la sottoscritta (ovvero la tapina di turno) risponderebbe più o meno così: “dunque bellezza come hai detto che ti chiami? La sfida è aperta. Cameriere! vorrei ordinare una fettunta come antipasto, pasta e fagioli a seguire e un bel piatto di francesina per finire”.
    la sfida sono pronta a perderla, ma regalata a tavolino (è proprio il caso di dirlo!) mai.

  4. Interessante: due soli commenti e tutti di donne… 🙂

    Del vino di Playboy non saprei che farmene, ma ordinando un bel Bricco dell’Uccellone chissà cosa penserebbe la donzella di turno… :asd:

  5. …credo che se venissi invitata a cena, osando il mio commensale di farmi trovare in tavola un Merlot della Topa Nera, sarei tentata di far da dessert per premiare il coraggio! 😀