Non è facile lavorare in Piazza Signoria a Firenze, uno dei salotti buoni della città: in inverno non è che la gente scorra a fiumi, mentre durante la buona stagione diventa difficile arginare la folla che si accalca interno del ristorante. Però, nel corso degli anni, qualcosa si sta muovendo e la scelta del Comune di creare un modello di dehors uguale per tutti, crea un’immagine gradevole della piazza: tutto dipende,ovviamente, da cosa poi si mette nel piatto!. Il Circus si trova vicino a via dei Magazzini, leggermente defilato: due salette comunicanti al piano terreno, ed una più grande, da trenta posti alIMG_0295 piano superiore. La formula è quella che caratterizza un luogo che frequentano i turisti, ma che rientra nella logica internazionale, ovvero cucina aperta no stop, dal mattino alla sera, con la possibilità di mangiare una bisteca alla fiorentina alle 11 di mattina come alle 4 di pomeriggio. Il menu spazia dalle lasagne alla tagliata, passando per gli hamburger e gli gnocchi fatti in casa; chiaro che qui non possono mancare le lasagne ma poi, una volta letto, assaggiare lascia una piaceole sorpresa: i carciofi fritti, asciutti e croccanti, la tartare che riporta ai sapori degli anni Sessanta, arrivando a tavola già condita, con quel tocco di senape che la caratterizza alquanto. Volendo c’è anche la pizza e la carta dei vini, non immensa, regala anche etichette non scontate. I prezzi sono da locale che si affaccia in una delle piazze più visitate al mondo, quindi una tartare costa 30 euro, ma una pizza margherita è sugli 8. Magari, prima che inizia la confusione eccessiva, in una giornata di sole, mangiare un piatto guardando il Biancone regala qualche soddisfazione per lo spirito, oltre che per il corpo.

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento

  1. […] dei Frescobaldi si trasferirà in piazza Signoria, nei locali che hanno ospitato a lungo il bar ristorante Circus, un locale che si distingueva per una proposta che non era solo ad uso prettamente turistico. […]