Ieri mi sono perso l’anteprima di "A good year", il film di Russel Crowe che parla di vino ma vorrei fare come già successo con Sideways una presentazione vinosa a Firenze. L’esperienza maturata ai tempi di Slow Food è stata proficua, sono gli anni nei quali è nata la rassegna "Assaggi di cinema" dove film con argomento gastronomico venivano seguiti od intervallati con portate ispirate al film. Ora poi che è tutto un gran parlare di product placement si sono scatenate le aziende vinicole a partecipare a tali iniziative. In Italia il Consorzio del Chianti Classico è presente nel film di Paolo Bonolis, poi è già stato visto il vino Chianti Classico Riserva Ducale dei Tenimenti Ruffino nel film "Il diavolo veste Prada". Insomma, materiale per organizzare un nuovo evento non manca. Tenetevi pronti perchè nel 2007 qualcosa nascerà..

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 Commenti

  1. Sul fatto di tenere famiglia, è risaputo Trinciante ma Elisia è un’amica e quindi non ci sono problemi:) Per quanto riguarda i film sono d’accordo che non sempre si abbina al cibo o al vino un’opera d’arte di pari valore. A me continua a piacere dopo vent’anni, “Il pranzo di Babette”, l’ho fatto vedere più volte a scuola ai miei alunni e noto sempre una grande emozione al termine della proiezione. Comunque trovo intrigante anche “Big Night”. Altri titoli da suggerire per una rassegna? Ho già fatto rassegne con i più famosi, chi ne ha qualcuno da suggerire?

  2. sicuramente Uomo donna mangiare bere, cinese. è la storia di un grande chef che deve maritare le tre figlie ecc… il film ruota attorno alla cucina orientale con immagini emozionanti di carpe, anatre. oppure la grande abbuffata: “se escludi il cibo tutto è epifenomeno”. questo o si odia o si ama. poi c’è Una buona annata che il sito Winenews con l’entusiasmo che mette in tutte le sue manifestazioni ha ribattezzato un’ottima annata. troppa grazia sant’antonio! il cliché è semplice, anche sul vino, ma le immagini sono bellissime, soprattutto delle due attrici… poi, in overdose di product placement chapeau al duo scott crowe per aver scelto come vino principale del film un’etichetta inventata
    ilTrinciante

  3. Grazie Trinciante, direi che è uno dei film che ho più amato nel settore gastronomico. Mi piacerebbe poi organizzare una sorta di grande blob gastronomico dove le immagini sono tratte da più film, anche di carattere diverso:dagli spaghetti di Alberto Sordi alla nutella di Moretti e così andare..Qualche lista di immagini famose?