Per i cetrioli ci vorrebbe il test bendato: affettarne uno al naturale ed un altro dopo aver torto parte della capocchia e strofinata in maniera tale da togliere l’amaro. Secondo voi funziona o è una delle tante leggende metropolitane sul cibo?

cetrioli alla pannaLa domanda sorge spontanea quando si vedono le persone applicare subito la regola di tagliare parte della sommità, per poi prodursi in un movimento  rotatorio per ottenere la schiuma dall’ortaggio: Questa, una volta tolta, eliminerebbe il sapore amaro. Verità o leggenda?cetrioli Da provare per sfatare ogni leggenda,  ma per chi ama i cetrioli è forse il caso di ricordare i piatti simbolo dove viene utilizzato come il gazpacho, la panzanella, lo tzatziki o il taboulé. Ma come frullato a comporre un inizio di pasto? O seconda una ricetta classica francese saltato in padella al burro con aggiunta di panna?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento

  1. […] cima e sfregarla sul resto per togliere l’amaro: classica leggenda metropolitana, come potete leggere qui. Tagliate il cetriolo a fette lunghe per poi dividerle a metà, salatele e lasciatele a riposo per […]