Siamo nella zona di Oltrarno, vicino a San Frediano, nella piazza che si affaccia sull’Arno. Il locale ha visto diverse gestioni, l’attuale è di circa un anno fa, iniziata cn la ristrutturazione del localecon un rinnovo di personale, compreso lo chef, risalente a settembre. Bella l’atmosfera, uno stile che si ritrova in molti ristoranti moderni, con legno scuro, pareti riportate a pietra, luci soffuse. Si viene a mangiare il pesce, anche se la parte riservata alla carne è ben fornita. Banco del pesce fresco in fondo ad una sala, con tanto di bilancia in bellavista ed un giapponese che prepara il crudo.  Ampia la scelta, anche di frutti di mare. Conviene però farsi tentare anche dalla specialità calde. Si inizia con una crema di tonka e cannellini gradevole, divertenti i totani alla griglia con burrata, pancetta e salsa al lime. Il polpo al carbone con tartufo e panino con mousse di patate è rovinato dalla presenza di olio tartufato. Le linguine con calamaretti e polpo alle mandorle sono ben equilibrate al gusto. Carta dei vini ristretta considerata l’offerta gastronomica, con ricarichi poderosi e qualche errore di ortografia. Servizo molto cortese e professionale. In definitiva, all’ingresso sembrava un classico locale modaiolo, con la differenza che qualità in cucina e in sala non mancano!Sui 60 euro. Il locale propone anche serate con aperitivi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 Commenti

  1. ok, giusta l’osservazione del’olio al tartufo sul polpo, perche anche io lo odio. Ma comunque viene fatto in casa con olio Ligure portato a 30° e fatto fermentare x 1 mese

  2. grazie ………..visto il vostro buon giudizio ieri ho voluto provare la cucina di questo ristorante……. ottimi piatti ….con particolari e accattivanti abbinamenti ….straordinaria la mousse di baccalà con crema di cannellini…. molto piacevole la serata…. buono il servizio…sicuramente da mettere fra i ristoranti preferiti…….