Non c’è dubbio, gli opposti si attraggono. Se Carlo Cracco presenta la patata San Carlo in Segheria, c’è chi ha cominciato a pensare a quale oscuro e perché no, invitante messaggio subliminale potesse essere celato sotto questo invito. La cronaca della presentazione è descritta qui con dovizia di particolari, ma si capisce come l’operazione abbia creato meraviglia e sconcerto nel pubblico di gastrofanatici: meglio la patata o la segheria? Ovvero, meglio un cibo POP, alla portata di tutti, che assurge ad un ruolo nobile, o meglio una cucina in linea con i tempi attuali, proposta a prezzi accettabili? Il successo di Cracco, va da se’, fa arrabbiare molte persone. E, come succedeva ai cantanti degli anni Settanta, qualunque concessione al grande pubblico viene sempre vissuta come grande tradimento rispetto ai seguaci della prima ora. Se qualcuno sa chi è o si ricorda di una meteora musicale come Alan Sorrenti, diventa facile capire cosa voglio dire. Ma per rimanere all’attualità, un gruppo come gli U2, dopo essere stato amato, osannato, venerato da milioni di fan, inizia ad avere reazioni uguali e contrarie, sempre a causa del successo ottenuto. Cracco, va da se’, dovrebbe essere ringraziato dai tanti che scrivono poiché fornisce spunti per articoli e approfondimenti come nessun cuoco prima: intendo per un pubblico ampio e diversificato, poi è chiaro che i fanatici del cibo parleranno moltissimo di altri cuochi, ma lui, insieme a Bruno Barbieri, è un nome spendibile anche con chi, fino a ieri, entrava in cucina solo per riscaldare il latte al microonde. Tornando al punto principale: ma la patata sdoganata, che può fare il suo ingresso trionfale nella cucina “fashion” , pur come finger food o è solo una bieca operazione commerciale? Il critico fino a che non prova non può dare un giudizio, va da se’, ma rimane il fatto che applicare il concetto dii moda alla cucina è terribilmente difficile. Sembra quasi che fare insieme pret a portèr e haute couture sia operazione impossibile. Consoliamoci con la patata Credits marieclaire.it

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nessun commento