Ora che vanno di moda i piatti “vintage”, che tutti parlano di quanto era bella la cucina degli anni Sessanta( e allora perchè l’abbiamo cambiata?), che certe preparazioni tornano prepotentemente alla ribalta, il primo d’obbligo dal quale iniziare è il cannellone. Opulento, barocco, grasso, avrebbe tutti gli elementi necessari per allontanare dalla tavola gli amanti della linea ma proprio questo suo essere così “pulp” c’è chi ne rimane inevitabilmente soggiogato. Sarà la forma accogliente, la besciamella avvolgente, il sapore caliente, comunque è il classico alimento che, mentre uno lo mangia, continua a pensare”Mi farà male, lo so, non devo farlo” eppure…il ripeino che mi insegnarono trent’anni fa alla scuola alberghiera prevedeva scarti di carne di manzo e maiale(cito!), funghi, formaggio, besciamella densa. Mia madre li faceva con il cervello, spesso preferisco quelli di ricotta e spinaci, fondamentalmente innocui. E voi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 Commenti

  1. Ma allora ho il sestosenso!!! giust’appunto la scorsa settimana mi son inventata un cannellone in menù!, dentro patate(da Arezzo con furore), ricotta e lardino di colonnata… sopra ragù bianco d’agnello al coltello… ha il suo perchè!!
    Sulla moda ragiono poco, lavoro in una “Osteria Rurale” in Maremma, ne faccio un prolema di identità più che di moda… e, polemicamente, a Identità Golose ho visto ancora pochi professionisti veramente in “armonia” con il loro lavoro… scotto forse dell’estro artistico disciplinato dalla tecnica?
    bàh,vado a raccoglie’ du’ bietole selvatiche finchè ‘n attacca a piove!
    Buon lavoro!

  2. le bietole selvatichenon hannoniente didiverso dalle comprate… a parteilgusto (eh!eh). un piatto tipico nella zona di campagnatico è cuocerle con cannellini lessati e lasciati un pò al dente e una punta di salsa di pomodoro… fino a quando non fanno quella cremina golooooosa, fuocobasso, magari tegame di coccio.
    buon prò ci faccia!!!

  3. Immancabili e insostituibili con ripieno ricotta e spinaci con besciamella “nature” sopra e spolverata da parmigiano.