E’ finita, ma non ci si sente svuotati, come altre manifestazioni; è migliorabile, come tutte le cose, ma dopo 3 anni comincia a prendere una forma sempre più definita. E’ bene sapere che i contributi di tutti sono bene accetti e quindi, se qualcuno ha voglia di collaborare, ben venga!

Mi sono anche messo a fare tortellini

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=DtouC5QYYg8[/youtube]

ho descritto la ricetta di Italo Bassi

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=IxVe-fRy3lI[/youtube]

ed ho dato le mie conclusioni finali

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=vHFFmuZXOCA&feature=player_profilepage#[/youtube]

Alla prossima!

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 Commenti

  1. io mi sono divertito.
    poi quando esco dal DeGustibooks torno a casa sempre un po’ più dinamico e con tante idee per il blog e poi tra qualche mese magari sparisco di nuovo… dovresti farlo ogni 6 mesi invece che ogni anno 🙂

  2. Tutto è iniziato mercoledì 14 ottobre con una presentazione della manifestazione alla libreria Feltrinelli di Firenze …
    In un pomeriggio denso di impegni, mi sono ritagliata un’ora per prendere parte a questo momento, che si è svolto piacevolmente, conoscendo Leonardo Romanelli e colloquiando tra un cioccolatino del Bianchini ed un calice di vino…
    Il giorno dopo, in un fresco, ma soleggiato pomeriggio d’autunno, mentre fuori il sole splendeva in un cielo azzurro-turchino, dentro l’antica Fortezza da Basso iniziava una bella avventura fra un bicchiere di vino, un piattino ed un panino( ottimo quello di Marco Stabile…)

    Lì il primo incontro è stato con una bionda figura che entrava nel Padiglione Spadolini assieme ad un ragazzo con il cappellino sugli occchi…mi avvicino ed esclamo:-Velia! ( De Angelis)
    Lei, che pure nn mi aveva mai vista prima, tranne che su Fb risponde:-Serenella…Nardoni!
    Entrambe sorprese e felici di esserci riconosciute ci abbracciamo.

    Saluto anche Maurizio(Di Mario) e scopro, parlando, vedi la coincidenza, che ha una sorella che abita proprio vicino a casa mia…

    Li accompagno a fare degli assaggi, che sembrano gradire molto:salame, finocchiona e soprassata tagliata a “dadini” spessi per esaltare il sapore…Un bicchiere di vino e poi, via verso l’Arena del Gusto per visionare la cosidetta “location” del food show, che inizia alle 18 con ottime degustazioni…

    Il giorno dopo è la volta di Sergio Maria Teutonico, altro chef per un giorno ed altro amico Fb che conosco assieme a Stefania, un’amica Fb del Chianti…Nuove piacevolissime conoscenze!
    Poi è la volta di Alessio, Lorenzo, Simone, Fabien…insomma non solo il vino, i libri, il cibo sono stati i protagonisti di questa edizione di Degustibooks, ma anche l’incontro!
    E se la vita è l’arte dell’incontro, quest’evento è stata una bella occasione…

    Possiamo dire dunque, in estrema sintesi, che abbiamo “vissuto” alcuni degli elementi più nobili della cultura del nostro territorio…
    Cibo, vino, convivialità, lettura come nutrimento per la mente e per il corpo, per il cuore e per l’anima, elementi che creano in definitiva connessioni interdipendenti.

    Quest’evento, nell’ambito del festival della creatività ha visto cuochi, autori di testi, produttori vinicoli, fioriste, artigiani del gusto, critici enogastronomici e gente comune, che hanno preso parte ad un susseguirsi di eventi, food show, presentazioni, degustazioni che si sono svolte in modo originale ed ordinato.
    Infatti, nonostante la folla l’ambiente appariva tranquillo, senza rumori o musiche forti e ci permetteva di parlare e approfondire le nostre passioni, scambiandoci consigli, opinioni ed impressioni …
    Sabato poi è andato in scena “Come diventare sommelier in 50 minuti” ed abbiamo visto un ottimo Leonardo attore!Abbiamo visto inoltre cucinare il personal chef Arturo Dori e fatto un giringiro per tutti gli stand!
    Domenica infine il food show dello chef Filippo La Mantia e quello di Italo Bassi, entrambi molto curati e…deliziosi!

    La cosa più bella per me è stata riconoscere, conoscere e soprattutto dare un volto a delle persone che frequentavo solo virtualmente e condividere con loro questa esperienza l’ha resa ancora più importante ed interessante…

    In conclusione trattasi di un evento da mettere già in agenda per il prossimo anno….!!!

    Grazie a chi l’ha pensato e così ben realizzato!