Può essere grandioso ed entusiasmante come triste e depressivo: è il buffet delle colazioni che è possibile trovare andando in giro per l’Italia; in Europa è già diverso, il culto del primo pasto del mattino è ben più radicato. Mi ricordo un viaggio in Islanda(sono passati 24 anni purtroppo) durante il quale andai a dormire all’Esercito della Salvezza(costava meno dell’Ostello locale e non aveva niente da invidiare!) dove il prezzo della colazione era uguale a quello della notte, ma ne valeva la pena. Evitavo di mangiare durante il giorno e la sera mi accontentavo di un panino, ma era l’unico modo per sopravvivere con pochi soldi in tasca. Mangiavo veramente di tutto, dal porridge alle aringhe marinate con cipolla, In generale, comunque, quando la colazione è pronta mi arrischio ed oso ingurgitare qualcosa di più rispetto al solito cappuccino  e brioche. Poi ci sono anche i buffet che mi mettono tristezza: le fette di edamer che mi guardano dal vassoio d’acciaio, messe accanto a quelle di spalla cotta hanno un effetto dimagrante. Non parliamo delle uova sode abbandonate in una boule di vetro che assumono colori cangianti poco appetibili. E poi, le confetture dentro i contenitori di plastica, il miele in bustina, le fette biscottate già frantumate…cosa avete visto che vi ha deluso sul buffet della colazione? E cosa invece vi ha esaltato?

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

9 Commenti

  1. Personalmente, ho scoperto che la colazione è in assoluto uno dei punti di forza/debolezza di un hotel, ostello o B&b, più di tanti altri fattori. È il momento in cui ospite e titolare si incontrano, chiacchierano e si dispensano informazioni. Tutto ciò, insomma, che farà un giorno tornare qui l’ospite o meno. Il mio B&b, ovviamente incluso nel prezzo, offre caffe espresso, cappuccino o the, più – a buffet – frollini, fette biscottate, burro, 3 tipi di marmellata, succo d’arancia e/o Ace, yogurt (di marca….), croissant caldi e una crostata. Mi sono ispirato alle esperienze in Irlanda e Scozia, senza la parte delle tipicita locali. Mi costa forse un po’ rispetto a ciò che altri offrono (e bando assoluto a ogni confezione in cellophane) ma credo sia opportuno farlo. Troppo poco è segno di scarsa attenzione, troppa roba diventa un’ostentazione, specie se i cibi sono destinati a invecchiare sul vassoio.

  2. Ultimamente sono stata in un resort termale in Toscana, in una delle valli più belle d’Italia e la mattina al buffet della colazione ho trovato una cosa che avevo trovato solo all’estero: un cuoco che ti prepara, al momento e come vuoi tu, le uova. Quindi io tutte le mattine mi sono mangiata una graditissima omelette con formaggio-prosciuttio-peperoni-funghi-cipolla.
    La colazione è importante. In vacanza ci si rilassa e si ha più tempo da dedicare al pasto mattutino quindi ben venga un ricco buffet che tra l’altro mette anche di buon umore.
    Ho un bel rciordo anche delle Grenadines dove tutte le mattine mangiavo le uova alla Benedict che, purtroppo, non ho più mangiato.

  3. Io la colazione più bella della mi vita l’ho fatta a Roma ai Parioli in un albergo stile liberty immerso nel verde….sul tavolo dove si siede il commensale, uno è circondato da biscotti sotto vetro di varie forme, varie marmellate, frutta fresca e tanti tipi di torte poste su alzatine e piatti colorati…..un atmosfer davvero unica..
    Concordo con la tristezza della spalla cotta e dell’edamer nei vassoi d’acciaio…provata proprio di recente a Udine, con tanto di pellicola trasparente sopra il vassoio 😉

  4. Sono abituato molto male… vivendo in Asia una discreta parte dell’anno. Alberghi a 4 stelle che farebbero sfigurare nostri 5 stelle lusso… buffet di decine di metri con ogni ben di Dio, caldo, freddo, carne, pesce, roba da suicidio glicemico 😉

    Che tristezza invece in tanti hotel nostrani… aprir la porta al mattino e dal quarto piano sentire quell’odore inconfondibile, sempre uguale, di croissant scongelati… in molti credono che la colazione sia un costo, invece di un investimento…

    Quando sono in vacanza io cerco di stare leggero… quindi yoghurt con cereali, succo di mele, uova strapazzate, salmone affumicato, salumi e formaggi, ovviamente pane e burro, marmellate, croissant, dolcetti vari, pancakes ove presenti (ben coperti di sciroppo d’acero) ma anche carni, riso, patate (hasbrown lo adoro), pesce… In Thailandia dove risiediamo c’è un tedesco che fa un corned beef strepitoso, con baguette calda e uova pocheè… da urlo!

  5. Ma non crediate sia uno snob 😉
    una delle migliori colazioni della mia vita al’ho fatta la settimana scorsa a Ciciano, a due passi da Chiusdino, in un Bistrot con camere.
    Pane toscano appena sfornato, marmellata di ciliegie e di pesche fatta dalla signora, un burro strepitoso, una fetta di torta di cioccolato ed una di crostata di marmellata… poche cose ma incredibilmente buone e genuine…non avremmo mai smesso…

  6. …….. Ma la torta al cioccolato era migliore della tua???? 🙂 … Io in assoluto le migliori colazione le ho fatte in Norvegia …. spendi ma il buffet è uno spettacolo … mi ricordo che solo di Yogurt bianchi c’erano almeno cinque tipi di consistenza diversa.. salmoni interi affumicati … uova fatte al momento come volevi … una scelta inimmaginabile in altre parti d’Europa………

  7. Era molto buona, molto diversa dalla mia ma molto buona, alta, tipo Foresta Nera ma di scuola francese (la signora è svizzera)…

    Anche io amo il salmone affumicato con le uova strapazzate, trovo si sposino perfettamente.
    Le migliori mai mangiate a Londra all’One Aldwich Hotel, con un salmone scozzese da urlo 😉

  8. a proposito di Norvegia, in un hotel della catena Scandic a Trondheim ho trovato nel buffet della coolazione anche delle pillole che molto probabimente fungevano da alternativa al breakfast.
    beh le ho assaggiate…;-)

  9. In tanti alberghi la colazione è drammaticamente standard e squallida. A Milano a luglio scorso, un bel hotel non a buon mercato sul Naviglio con tanto di giardini, fontane, panchine, verde, una colazione da piangere con le solite brioche che puzzano di vanillina, le fette di edamer e di cotto che citi tu, le uova sode nella boule di pyrex e tutto il resto dello stesso livello. Solo il caffè e il cappuccino erano fatti bene e buoni, mentre il thè era Lipton in bustine. La mia domanda è: perché????