Borgo San Lorenzo è un paese che ha fascino, lontano da Firenze e dall’autostrada,per raggiungerlo ci vuole del tempo, per poi trovarsi in un posto dove è anche divertente passeggiare e visitare i bei monumenti presenti. Siamo nel Mugello, una terra a suo tempo povera, che nella tradizione gastronomica è conosciuta per i tortelli di patate, emblema di ingegno culinario fatto con ingredienti poveri, e per i formaggi derivante dal latte che è sinonimo di qualità. Per il vino, il successo è arrivato da pochi anni, da quando il Pinot Nero è diventato un vitigno che ben si è acclimatato in zona. Il locale si presenta come trattoria, pizzeria ed enoteca: una volta entrati, sulla sinistra il banco della bottega con il forno elettrico a vista per fare la pizza e sulla destra pochi tavoli, apparecchiati con le tovagliette di carta. La carta presenta numerose proposte, magari con gli stessi ingredienti, ma certo si può spaziare su specialità delle più varie: si passa dagli spaghetti alla carbonara alle tagliatelle al tartufo, dall’antipasto toscano classico alla bufala con pomodori secchi. Molti gli asterischi che riguardano i prodotti congelati a partire dai tortelli di patate. In mezzo a tanti piatti preparati per accontentare una clientela molto vasta, spuntano le pietanze di carne preparate con la Granda Piemontese e risultano notevoli la battuta al sale di Maldon e la tagliata all’olio e rosmarino. Piacevoli i salumi, non troppo salati e profumati, corretti i tortelli al ragù. Primi tra i 7 e i 9 euro, carni dagli 8 della battuta ai 14 della tagliata. Carta dei vini con delle chicche locali e non solo, proposti con ricarichi non eccessivi. Servizio familiare. Chiuso il martedì e domenica a pranzo

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nessun commento