“We are a restaurant chain for slow fast food”: così si presenta Beijing 8, la catena di ristoranti di cucina cinese nata però in Svezia, che ha aperto i battenti in via de’Neri a Firenze, dopo una lunga attesa, ben annunciata dai cartelli all’ingresso durante i lavori. E’ il primo locale della catena inaugurato in Italia, nella via che si sta dimostrando sempre di più la strada del cibo fiorentina. Una volta entrati, qualcosa si avverte IMG_6192dell’influenza nordeuropea, nelle linee essenziali dell’arredamento, nel colore tendente al grigio, per l’attenzione ai materiali usa e getta,anche se poi la raccolta differenziata non prevede tutti i materiali. Siamo nel campo della catena monoprodotto, e quindi soprattutto dumplings, ovvero ravioli ripieni, dai colori e dalle farce diverse, con grande attenzione, nella proposta,  a chi segue un regime vegetariano e vegano. Ad ampliare la scelta ci sono i brodi, con o senza ravioli, le verdure di contorno e, dopo le 14 i Bao, con bacon o tofu. Si va alla cassa, si ordina, si lascia il nome e poi si viene chiamati: all’ora di pranzo può essere interessante provare la Lunch box, con dumplings diversi, vermicelli o riso, la salsa abbinata, che altrimenti costerebbe 1 euro, ed il tè incluso nel IMG_6197prezzo che varia, a seconda della quantità di cibo , dai 10 ai 12 euro. Il personale è sorridente e gentile, due ragazze probabilmente americane, ma quello che poi si trova nel piatto, o meglio, nella scatola, non è che faccia impazzire di gioia. Sapori standardizzati, i ripieni che non si staccano nei IMG_6196profumi, una cottura non felice che rende la pasta dura da mangiare: i ravioli si possono ordinare sia fritti che al vapore, dimenticavo. I tè proposti sono Bio, cosi come l’unico vino presente. Magari non sarà possibile cambiare i sapori, visto che tutto dovrebbe arrivare già preparato, ma migliorare le tecniche di lavorazione può essere un obiettivo perseguibile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento

  1. […] pizza bassa, ma dalla buona lievitazione.  E’ durata circa un anno l’esperienza del Bejing 8, situata nella centralissima via de’ Neri: i  dumplings non hanno incontrato il gusto dei […]