Ebbene sì, non ne possiamo più (uso il plurale maiestatis? NO! Scommetto che in molti la pensano così!) sull’uso indiscriminato delle vongole veraci! Perchè solo loro? Perchè non discutere della bontà delle vongole”normali”, delle teline, insomma dei frutti di mare che niente hanno da invidiare alle consorelle sincere(essendo veraci…). Aggiunte come il prezzemolo in preparazioni che nemmeno se le meritano, subiscono oggi una crisi di rigetto! Una bella moratoria sul loro impiego e poi torniamo ad apprezzarle!

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 Commenti

  1. la storia è vecchia, la gente si riempie la bocca non solo con il cibo e il vino ma soprattutto con le parole, VERACE che vuol dire?
    Sono parole….
    Non sono sapori!
    Le personeimmaginano che verace sia sinonimo di migliore, no tutt’altro è solo sinonimo di tipologia, se in cucina si facesse comprendere che non si può sempre e solo generalizzare tra gli ingredienti, allora le persone amerebbero e apprezzerebbero di più le pallide telline o le minute vongole, non pensi?
    A chi come noi fa il mestiere che insegna il buono e il bello, con umiltà e voglia di imparare, il dovere di diffondere informazioni, sperando che tra tutte le persone che ci leggono, più di qualcuna trovi spunto dalle parole che scrivi/scriviamo e ne traggano insegnamento.
    Leonardo sei un saggio…. lo dimostri ogni giorno, con il sorriso e la leggerezza di chi non vuole insegnare nulla ma di chi afferma verità e lascia agli altri il libero arbitrio.
    SMT

  2. AHAAAAAA MA ALLORA NON SON SOLO IN QUESTA BATTAGLIA !!! Da anni sono un fervido sosteitore della vongola sfigata..quella che nessuno se la fila perhe’ e’ piccolina e non ci mangi nulla oppure ma che figura ci fai a mandarla in tavola o ancora e’ troppo ciccina e non fa figura.. Per carita’ per farle gratinate sono indispensabili..sarebbe davvero una tortura cinese preparare le piccine..ma per tutto il resto e’ mille volte piu’ saporita la vungulett semplice….per farci gli spaghetti…per non parlare poi de LI CIUCCULITTE (telline) che da bambino i nonni ci mandavano a prendere a riva con la scusa della gara a chi ne prende di piu….ma poi certe magnate!!!!

  3. Come già avevo detto in questo blog, ricevendo allora il plauso di Fabrizio Pianta (che anche adesso ha la stessa opinione): rivalutiamo le poveracce. Michele Marziani le consiglia con la polenta, all’uso riminese.

  4. Non ho nulla contro le telline…io semplicemente le amo!
    Ma la storia va ben oltre….spesso ti propinano le vongole normali per quelle veraci….Io non ho nulla contro le vongole veraci ma andare in ristoranti dove parlano di quest’ultime e poi ti presentano le vongoline-ine…noooo

    Vivendo in posto NON di mare c’è ancora molta ignoranza sul pesce e c’è gente che ci cade con tutti i panni.
    Dalla vongola verace all’oste vorace

  5. ma quale basta con le vongole veraci sono eccezzionali e un bel piatto di linguine con le vongole veraci è meraviglioso come con le telline e le vongole normali

  6. Assolutamente d’accordo. BUonissime ma ormai difficilmente rintracciabili le telline ma le vongole più buone in fatto di sapori sono i “lupini”. Più piccole ma con un sapore straordinariamente marcato. Ci vorrà un po’ di più a sgusciarle (io sono del partito delle vongole senza guscio a tavola) ma ne vale assolutamente la pena!!!

  7. tra l’altro la specie attualmente in commercio non è neanche quella autoctona ma è stata introdotta dalle filippine con conseguente immediato adattamento e vittoria sulla specie nostrana. LI PIN’? bello ha un bel suono e mi ricorda la mia terrà natia. Così oltre che un buon sapore sono gradevoli anche all’udito 🙂