Eravamo in pochi ma ci siamo divertiti: quattro chiacchiere tra amici ma con la voglia di rivedersi e confrontarsi in seguito. Erano presenti Elena, di “Ioamofirenze”, mamma e figlia di “Ricette segrete”, Afrodita di “Food and the city”, Fabien di “La cuisine di Fabien” ed ovviamente l’insuperabile Andrea Gori che, mentre parlava con noi, riusciva ad utilizzare il suo I-phone. Sul finale è comparso anche Sabino e non poteva mancare, come frequentatrice di tutti i nostri blog, Serena. La discussione è filata liscia per quasi due ore, ognuno ha presentato il suo blog e la sua storia e sono venute fuori tante domande legate al mondo che ci unisce. Ho trovato del tutto diverso da come viene dipinto il mondo dei blogger: Poco individualismo e tanta voglia di confrontarsi tra noi, di conoscersi, di ritorvarsi magari davanti ad un piatto e ad un bicchiere (per mangiare e bere, cosa pensavate, per fotografare:-))). Se poi volete vedere un resoconto di Degustibooks più moderno, provate a vedere cosa ha prodoto il buon Andrea qui.

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 Commenti

  1. […] per cosa può essere usato seriamente e altri servizi 2.0. Come già detto su KelaBlu, visto che il Romanelli, uno degli assaggiatori delle finali dei 3YYY del Gambero è presente, viene bombardato di domande […]

  2. Anche noi ci siamo molto divertite a condivedere passie e idee. Adesso non vediamo l’ora si trovarci per il prossimo incontro mangereccio e noi ci candidiamo per contribuire con dolci e docetti. alla prossima,
    Patrizia&Silvia

  3. Sì, è venuto fuori proprio un bell’incontro in un clima di confronto molto allegro ed amichevole. Credo che a tutti sia venuta voglia di rivedersi presto, anche a tavola. Chissà… Grazie a tutti, soprattutto a chi era lì a sorbirsi le mie bischerate 🙂

  4. C’ero anche io ieri mattina, non sono intervenuta e un po’ mi sono pentita visto il clima piacevole e amichevole! ho trovato l’intera discussione molto interessante! Spero di partecipare ai prossimi incontri..magari anche in maniera più attiva!
    Appena ho un po’ di tempo posto due righe anche sul mio blog! Sara

  5. Anche a me è sembrato un incontro molto piacevole e interessante; non sono un blogger, ma visto che per lavoro e per passione mi interesso delle “cose di internet”, credo che dall’incontro siano venuti fuori molto bene i molti modi di “usare” lo strumento blog e comunicare sulla rete; anche al di là dello specifico gaztronomico. Mi dispiace solo essere dovuto scappare subito, senza fermarmi per 2 chiacchiere, ma mi aspettavano a casa per pranzo (tanto per restare in argomento… ‘ché preparare il primo è compito mio). Aggiungerei una cosa, a quanto detto sabato: io sono rimasto sbalordito dalla qualità delle fotografie presenti su molti blog gastronomici, a cominciare da quello di Fabien (ma non solo quello…). Composizione, luci, inquadrature etc. sono molto, molto professionali.

  6. Non m sembra peregrino fissare allora, prima di Natale, una riunione cena per focalizzare alcuni dei punti venuti fuori per l’occasione. Provo a riparlarne con Tommaso Colombini di Usodicucina.it e poi vi faccio sapere!

  7. arrivo per ultima ma confermo la piacevolezza dell’incontro e di aver abbinato un volto a certi blog

    se fate la cena fatemelo sapere

    un complimento a leonardo bravissimo a stimolare la discussione su vari punti di vista. una VERA discussione che va oltre i luoghi comuni della blogosfera. 🙂

  8. Mi spiace davvero non aver potuto partecipare all’incontro, mi sarebbe piaciuto conoscervi di persona, e visto che mi sto trasferendo all’estero non credo che sarà più possibile oramai.

    Ad ogni modo la mostra mi è piaciuta, ma meriterebbe essere slegata da una esposizione con cui non aveva nulla da spartire.

    E’ stata un’occasione per spendere un po’ di soldi in libri, conoscere qualche persona interessante e passare un piacevole pomeriggio con moglie e figlia (arrabbiatissima perchè lo spazio bimbi era deserto).

  9. @gustotoscano
    Ti stavo pensando perchè a Degustibooks ho incontrato un australiano di origine italiana che mi diceva di quanto è importante trovare qualcuno capace di importare vere materie prime italiane. Lo hai mica conosciuto? Sarei curioso di sapere come vanno i tuoi primi giorni in AUstralia. Quando parti?