La zona non è mai stata esaltante da un punto di vista gastronomico, ci sono ristoranti piuttosto ordinari, che servono pietanze classiche, senz’anima. Due anni fa un gruppo di giovani inizia l’avventura nel centro della cittadina, proponendo una cucina nuova, gradevole, che sembra una ventata d’aria fresca. La prima a parlarne è stata, ovviamente , Nelli nel suo blog tramite interposta persona: alla fine ci sono arrivato e mi ha fato piacere trovarlo pieno in una sera durante la settimana. Servizio cortese ma lento, prima di chiedere le ordinazioni passano venti minuti, con un prosecco che non viene accompagnato da appetizer. L’attesa si fa perdonare per la simpatia dei titolari. Si inizia con il tortello ripieno di prosciutto cotto in crema di ortaggi, ardito come concezione ma ben eseguito e poi valido al gusto; meno riuscite le bavettine nere con inzimino di calamari, spinaci e gamberoni di Sicilia, che sono spezzate e poco amalgamate al condimento. Ottimo, tra i  secondi, il flan di cipolle rosse di Certaldo con pecorino di fossa e cavolfiore in tempura, ricco di sapore, ben equilibrato. Interessante l’idea, meno l’esecuzione del filetto di ombrina e melanzana alla milanese con radicchini di campo e maionese al Balsamico: freddo l’interno ed acquoso a causa della melanzana cruda, la maionese troppo carica di aceto. Finale adatto ai golosi, dove si distingue il cannolo siciliano con spuma di ricotta e confettura di arance. Carta dei vini con spunti molto interessanti a prezzi corretti, solo da mettere in ordine. Per 35 euro, vini esclusi, vale la sosta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 Commenti

  1. tanto lo so che dirai che sono polemico!
    Qualche giorno fa sono andato a mangiare la pizza
    ( http://www.facebook.com/home.php#/group.php?gid=61963877656&ref=ts a scanso di equivoci! ) e sono passato davanti al cibre(in)o: con 12 euro (12 euro!) prendi un primo ed un antipasto che per un pranzo/cena leggeri possono benissimo bastare
    C’aggiungi un dolce e con 20 euro – senza vino – hai fatto cena (o pranzo) mangiando ottimamente . . . . .

    Come mai non ci si confronta con realtà di questo tipo (prezzi contenuti, ottima qualità) ?

  2. anch’io voto mille volte il cibreino piuttosto che un ristorante o altro locale in cui si spende meno, sono rimasta veramente colpita quando ci sono stata e se non fosse che per me non è proprio comodissimo (vivo a santa croce sull’arno) ci tornerei molto più spesso..