A Roma e Milano i ristoranti di cucina africana sono una realtà presente da molti anni, ma quello aperto a Firenze, oramai da qualche mese,rappresenta una bella novità su piazza. Prima di tutto perché non dà l’idea di ghetto o di essere riservato solo ai seguaci di una linea di pensiero (basti pensare ai ristoranti macrobiotici o vegetariani ) ma nemmeno svilisce il suo prodotto come accade in tanti ristoranti cinesi. Non è modaiolo come i giapponesi e quindi, nella sua univìcità, rappresenta un’oasi divertente e saporita: Alem è la cuoca titolare, insieme al marito Million. Eritrei entrambi, lui arrivato una decina di anni fa, lei presente in Italia da trent’anni, anno unito le loro vite anche sul lavoro, per realizzare un’idea che aveva visto la sua gestazione in un circolo di Pistoia, dove la zia di Alem faceva la cuoca. Insieme all’avvocato Alessandro Mencarelli, hanno rilevato un locale, che già in passato aveva ospitato ristoranti(l’ultimo è stato “Ora d’aria”) ed hanno creato un’ambientazione calda e accogliente. La sala principale è apparecchiata all’occidentale, nell’altra, più piccola, si può mangiar seduti su poltrone, prendendo il cibo da dei piccoli tavolini, volendo anche con le mani, per chi ha voglia id farsi intrigare dal compiere gesti fuori dalla norma ma tipici di un territorio. La suddivisione delle portate è simile a quella italiana, ma si possono gustare piatti unici: l’importante è dichiarare subito se si ama o meno il piccante. Buono come antipasto il Dulot, preparato con centopelle e fegato, profumato con burro speziato. La zuppa di lenticchie decorticate è da non perdere, ricorda vagamente i passatelli nostrani e poi, sui secondi, la scelta basiiare è sul tipo di carne: manzo o pollo:da provare lo Zighini , una lunga cottura dove la spezia incide profondamente nei profumi e nel gusto. I dolci non esistono nella cucina eritrea, ma provare una crema di mascarpone al sesamo è un’emozione. Buona l’idea di abbinare vini provenienti dal Nuovo Mondo, Sudafrica e Australia in primis. Sui 30-35 euro, per una serata divertente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento