Non bevo mai bevande analcoliche dolci, per i soliti problemi di buttarmi in corpo un sacco di zuccheri senza ottenere grandi benefici. Quindi spesso sono ricordi da piccolo, quando ingurgitavo spuma bionda, gazzosa e coca cola, al bar, con il ghiaccio ed il limone che mi sembrava diventasse un cocktail. L’acqua tonica fu una sorta di passaggio, riuscire a bere una bibita con un tocco d’amaro mi fece capire che stavo diventando grande..salvo poi trovarla in età adulta mescolata al gin! Riassaggiarla in questi giorni, prima della dieta, non è stato male..

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 Commenti

  1. Questo mi sembra un vero e proprio addio al cibo e ai piaceri della vita! Comunque, anche l’acqua tonica contiene le calorie “inutili”, a questo punto è meglio l’acqua frizzante con un grossa fetta di limone, una goccia di angostura e tanto ghiaccio…

  2. @Marco
    volevo scriverlo io ma non si confaceva ad una signorina dabbene come me! Marco, lo immagini il Professore, in canotta e mutandoni ascellari alla Fantozzi e dopo una Schweppes, un bel rutto libero?!?!?

  3. @chiara
    ma che dici mai!!! il rotto e il puzzetto ogni tanto è liberatorio…certo voi donne non osate non è chic…chic si scrive così? il professore in canotta? voi non sapete che da fonti sicure mi hanno riportato che lo hanno visto a viareggio camminare con le mocassine e pedalini corti lungo la spiaggia con gli occhiali da sole per non farsi notare…un vip…sarebbe sterminato e assaltato dalle fans… lui cammina e vede le curve scolpite sugli asciugamani…ma diciamolo Lui non vede tette e sederi… come dovrebbe!! lui è un romantico e il sedere per Lui è una mela e le poppe delle golose meringhe….ho detto una cazzata non mi querelate

  4. @Marco
    che bellissima immagine ma quella di Via Veneto con la Fadda era esilarante!!!
    Ti prego, deliziaci ancora con questi lacrimevoli quadretti!!!