Passeggiavo ieri sera a Roma in Via Veneto(che non è più la strada di una volta, si sa). Notavo il procedere incessante dei venditori di rose tra i tavoli di stranieri, con a compiacenza, quasi obbligata, dei camerieri e dei titolari dei ristoranti e mi sono chiesto: ma alle donne fa piacere se l’uomo offre le rose comprate in quel modo? Oppure preferisce una scelta precedente? Come reagite di fronte a tali scene?

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

22 Commenti

  1. Caro il mio Professore ad una donna fa sempre piacere ricevere una rosa, magari con un biglietto, anche a distanza….

    Esiste l’Interflora, lo sa?

  2. per non parlare dell’abbigliamento di chi frequenta ormai quei posti, del cafè de paris prima ridotto peggio di un autogril e adesso chiuso, di Doney che la sera diventa na specie di disco bar, dell’harrys bar dove pure le gentili signorine che lo frequentano l’unica cosa che ti fanno venire voglia di offrirti è un corso veloce di italiano, per non parlare dei menù in cirillico !! via veneto, fu !

  3. Ma cos’ha che non va, il menu in cirillico?.. I turisti russi sono davvero tanti, in genere spendono e non vedo perché non si potrebbe farli questo piccolo, chiamiamolo, “omaggio”.

    Per quanto riguarda le rose dei venditori che girano tra i tavoli, non mi piace assolutamente riceverli. Dico per prima di no perché altrimenti sembra una scelta forzata e non di cuore.

    Ah, io sono russa.

  4. Le rose sono un omaggio davvero gradito, molto intimo. Omaggiarle in riservatezza dà una forte emozione, acquistarle dal venditore ambulante nell’arco della serata fa perdere tutta la poesi!

    Per quanto concerne i menu in varie lingue, penso sia una gentilezza per i consumatori dalla quale il ristoratore può trarre vantaggi economici, almeno spero.
    Se fossimo noi in russia e i menu fossero solo in cirillico, non pensate che avremmo molti problemi nell’individuare qualcosa da consumare?

  5. Quando un ammiratore mi si presenta con l’orribile clichè del mazzo di fiori non sa – il poveretto – d’essersi scavato al fossa con le sue mani….
    Come la scatola di cioccolatini, come i baci perugina a san valentino, ecc ecc…questi clichè da pensiero omologato con me hanno vita grama…per cui quando mi si avvicina a tavolo uno di questi sfruttati venditori, redarguisco il mio cavaliere dal comperarli…
    Poi, per i menu, la mia unica regola è sempre quella di non leggere un menù con più di quattro proposte per portata….che sia in italiano, cirillico o francese…

  6. @Leonardo: scusa se vado OT, ma eri tu che uscivi dalla stazione di Termini trascinandoti un trolley rosso ieri attorno alle 14 mentre io ci entravo a passo di marcia?
    Edgardo

  7. ragazzi che notizia!!! il vip romanelli vipi de chef per un’0ra a via veneto…tutti i paparazzi erano li ad aspettarlo…eccolo esce dal noto albergo lui vesto in seta ma vicino a lui chi é? occhiali da sole capelli lunghi rossicci minuta splendita..? ma si forse la fadda…i paparazzi lo assalgono lui schiva Lei è nera e grida…leonardo basta mandali via!!! da quando mi hai portato a chef per un’0ra la mia vita è un inferno acccidenti a te gossip a roma…ma che fa lui si ferma si accende una paia si mette in posa e rilascia autografi poi colpo di scena Lei dalla sua borsetta gli tira fuori un panino con la trippa al sugo…mirabile visione che coppia che gossip..

    …io a le donne offro mazzi di carciofi romaneschi stupendi da vedere e da cucinare…le donne amano questi miei doni li trovano romantici e gourmet

  8. @ Federica S. (e alle donne in genere):
    non fare troppo la acida con gli uomini equivocando un gesto magari goffo ma sincero con chissà cosa, o resti zitella a vita!

  9. @Beppe: Se leggi il mio primo post mi trovi d’accordissimo con te e sono una donna (forse old style ma ben felice di esserlo!)

  10. brava chiara, è che a volte noi uomini d’oggi viene il dubbio sia a fare che a non fare, nel timore che veniamo redarguiti in entrambi i casi 😉

  11. @marco, ti senti un pò Pablo Neruda?.. :-)) Comunque trovo il tuo gesto originale e simpatico!

    @beppe, ho l’impressione che voi, uomini, vi siete stancati in generale di essere coraggiosi e prendere le decisioni 😉
    ..Una volta tanto un gesto da matti?..

  12. Mazzi di carciofi?!! Ce ne fossero di uomini come Marco: lui si che ha capito il senso del mio messaggio….originalità, fantasia e non stanca omologazione….non è un concetto difficile, tanto meno “acido” o femminista (anche nelle risposte si indugia sui soliti luoghi comuni) …basta provare a essere se stessi. Ho forse toccato inconsapevolmente qualche nervo scoperto? Vabbè, glissiamo….

  13. @federica s
    sposami
    @isabel
    le calle da noi si portano al verano
    @rosso di sera
    neruda? ma chi è? noi marmiton siamo poco eruditi…gia ora ricordo l’attore che ha lavorato con troisi

  14. @marco: verano? davvero? e significa che si porta al cimitero? ma non le uscano spesso le spose?!!!!
    @federica s: ovviamente il tuo è un commento soggettivo nonostante possa sembrare categoricamente comune a tutti. I fiori, di qualsiasi genere, incluso i carciofi :0), a mio giudizio, sono un omaggio bene accetto, in qualsiasi situazione. Sarà che non li ricevo quasi mai.

  15. Tempo fa dei amici grechi sono andati a pisa , con viaggio organizzato.
    Poi Al ristorante il cameriere li insultava perche non sapevano l’italiano, dicendo come si fa a venire qui in italia e non saper leggere e parlare l’italiano?

    Allora perche non scriviamo un cartello e facciamo spot all’estero, “venite solo se sapete la lingua”
    non credo che gli sceicchi che comprano a Montenapoleone parlino italiano.
    I soliti provincialotti…..