Il servizio di sala si è evoluto nel corso degli anni in base alle diverse esigenze del cliente, al tipo di cucina che viene proposta, alla “moda”imperante, alla nuova sensibilità da parte dell’opinione pubblica, all’etica di sostenibilità legata all’eliminazione degli sprechi.

Sembra quasi impossibile pensare che gesti ritmati quotidiani, che sono proseguiti nel tempo senza soluzione di continuità possano interessare così tanti campi della vita. Ma a pensarci bene questo accade regolarmente.

LA RACCOLTA DELLE BRICIOLE DI PANE

Tale operazione non veniva certo fatta per dare da mangiare agli uccellini: era un servizio al cliente per la preparazione della tavola al servizio del dolce. Le tovaglie sono quasi scomparse dalle tavole, il cambio della stessa per il dessert è la pratica che viene adottata in quei locali dove magari è meno forte l’attenzione all’ambiente, ma la forma e lo show sono di moda. Oppure, più semplicemente, si evita di fare perché sono sempre più numerosi i locali senza tovaglia!

Caffe zuccheroLO ZUCCHERO NEL CAFFE’

Faceva sempre un certo effetto vedere il cameriere che, scegliendo tra diverse qualità di zucchero, lo metteva nella tazzina pescandolo da una zuccheriera e si asteneva solo dal girarlo, ma con i clienti in maggior confidenza arrivava anche a questo. Con le bustine di zucchero tutta questa poesia è abolita.

IL CAMBIO DEL TOVAGLIOLO

Era diventato di uso comune cambiare  il tovagliolo al momento del dessert. Magari con il problema che qualche cameriere si scordava di togliere quello utilizzato per la parte salata. Ma oggi, con l’attenzione sempre più spinta all’ambiente e all’eccesso di sprechi, ha ancora senso?

LO SCARAFFAMENTO DELL’ACQUA

Con tutto il rispetto per chi lo faceva con entusiasmo , poteva avere un senso scaraffare l’acqua, soprattutto se gasata? Per gli amanti del genere, che la voglio frizzantissima e gelata, era un attentato alle papille gustative. Si diminuiva la carica di pungenza e si rischiava di riscaldarla. Meglio dimenticare.

piatt flambéI PIATTI ALLA LAMPADA

Oramai sembra destinata all’oblio. Ci sono problemi di sicurezza HACCP, c’è che nessuno vuole più mangiare pasta precotta e stracotta, c’è che non ci sono i professionisti in gradi di fare le crêpes suzettes nella maniera giusta, c’è che il rognone non lo mangia più nessuno…

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nessun commento

  1. Anche nei ristoranti stellati non ho trovato guanti bianchi , l’acqua nelle bottiglie , cambio di bicchieri si per cambio.di vini si, cambio tovaglioli per dessert nemmeno, le briciole quelli si vengono tolte .