Immaginate di entrare in un ristorante di pesce, che abbia vicino alla porta d’ingresso l’acquario, dove potrete scegliere l’esemplare che più vi aggrada, da gustare successivamente alla griglia o arrosto, o anche bollito. Tutto normale, penserete, niente di cui stupirsi. Immaginate la stessa scena a Canton, all’entrata dello “Snake restaurant” dove, al posto dell’acquario c’e’ una teca climatizzata dove scorrono in tutta tranquillità dei simpatici serpentelli. La visione vi inorridisce? Rabbrividite? Agli occhi di un cinese è tutto normale, anche in quel caso si sceglie l’animale che verrà prima cucinato e poi mangiato con ampia soddisfazione dei commensali. Si tratta di abitudine, di tradizione,di cultura, che ci porta, tanto per fare un esempio, a ritenere logico cibarsi di carne di coniglio, evento ritenuto a dir poco sconveniente da un americano medio. Siamo quello che mangiamo, questo è risaputo,ma scegliamo il cibo in base a tutta una serie di elementi che diventa difficile sintetizzare in una frase. Di certo noi italiani siamo fra i meno disponibili a provare sapori e gusti diversi, le vacanze all’estero con gli spaghetti in valigia sono ancora una tragica realtà. Tornando ai serpenti, si può dire che anche per questi animali esiste una classificazione, ci sono quelli che vengono meglio se cucinati in umido, o quelli che sono insuperabili se vengono fritti. Esiste addirittura la versione in scatola: gli esemplari più grossi vengono suddivisi in trance e poi inscatolati. L’aspetto, in questo caso, non è poi così strano: basta pensare al palombo e siamo già molto vicini alla realtà. Ci arriveremo presto anche noi a mangiarli? Difficile prevederlo, sarà dura considerando le nostre radici culinarie. Di certo non perderemo molto: gli esemplari più piccoli sono quasi insapori, prendono gusto da ciò che viene unito come condimento. Parola di chi li ha giàprovati. Forse però un buon pitone stufato…

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 Commenti

  1. anche io inorridisco davanti all’anguilla, però mi rendo conto che sono condizionamenti culturali: se i crostacei invece di essere animali marini zampettassero sulla terraferma sarebbero…scarafaggi e nessuno (di noi occidentali) li mangerebbe!!!!
    non mangerei mai un topo ma sorrido di chi non tocca il delizioso coniglio…
    paese che vai, cultura che trovi…e cibo, di conseguenza!
    vi dico solo che in Scozia non raccolgono nemmeno i porcini!!!

  2. E’ un dato di fatto: genealogicamente parlando, i granchi non sono altro che i “cugini” di ragni, scorpioni e acari… questo la dice lunga sui condizionamenti culturali!